Quanto costa il cyber crime all’economia USA? Ecco la risposta

Sono diverse decine i miliardi di dollari che ogni anno il crimine informatico sottrae a Washington. I numeri in un paper del Council of Economic Advisers della Casa Bianca. Essere in grado di proteggersi dai cyber attacchi non è solo una questione di sicurezza, ma anche un tema dal quale sempre più dipenderanno la competitività e la tenuta economica di un Paese. A dimostrarlo sono i numeri diffusi da un recente report del Council of Economic Advisers (Cea) della Casa Bianca, secondo il quale le attività informatiche malevole condotte ai danni degli Stati Uniti siano costate nel 2016 una somma tra i 57 e i 109 miliardi di dollari. Tali attività, rivolte a entità private e pubbliche, si legge nel documento (qui il file integrale), si manifestano come attacchi denial of service, distruzione di dati e proprietà, interruzione dell’attività (talvolta allo scopo di riscuotere riscatti) e furto di dati proprietari, proprietà intellettuale e informazioni finanziarie e strategiche sensibili. Senza dimenticare la pericolosità e i danni che conseguirebbero (anche economici) da un potenziale attacco informatico contro infrastrutture critiche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here