Macchine per il packaging crescono

Il giro d’affari generato dai costruttori di macchine automatiche per il confezionamento e imballaggio ha registrato un ulteriore incremento del 9,4%, raggiungendo 7,85 miliardi di euro, a conferma della leadership mondiale dell’industria italiana. Il settore, primo per quota sull’export totale dei beni strumentali (24,4%), è costituito da 631 aziende dislocate principalmente lungo l’asse della via Emilia, da Milano a Rimini, con distretti produttivi anche in Piemonte, Veneto, Toscana, e per livello tecnologico e presidio dei mercati si contende la leadership mondiale con la Germania, generando un quarto dell’export mondiale di queste macchine. Le vendite sul mercato nazionale sono state di 1,6 miliardi di euro, in crescita del 10,7% sull’anno precedente, mentre quelle sui mercati esteri hanno superato i 6 miliardi con un tasso di crescita del 9%. L’Unione Europea si conferma la principale area di destinazione e assorbe il 38,1% del fatturato totale, seguita dall’Asia con un valore di 1.024 milioni di euro e un’incidenza del 19% sul fatturato. L’importante mercato USA è al terzo posto con  741,3 milioni di euro (13,8%) e con un incremento del 25%.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here