La frontiera della robotica nel nuovo laboratorio del Politecnico di Milano

Un antico edifico del Campus Leonardo di Città Studi del Politecnico di Milano ospita un nuovo grande spazio dove tecnologia, ricerca e innovazione nel settore della robotica hanno trovato il loro habitat naturale.

Si tratta di un’area di 500 mq allestita per ospitare quattro laboratori di ricerca del Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria (Deib) nel settore della robotica e in quello del controllo automobilistico e dei veicoli intelligenti. Sono spazi significativi nei quali docenti, ricercatori e dottorandi  possono lavorare e portare avanti progetti di ricerca, condividendo esperienze e attività in un’ottica di collaborazione e sinergia.

La trasversalità della tecnologia

“E’ anche un importante risultato per il Deib, costituito nel 2013” spiega il prof. Gianantonio Magnaghi, Direttore del Deib insieme al prof. Stefano Tubaro, in occasione dell’inaugurazione del laboratorio. “Le innovazioni sono dettate dagli sviluppi della tecnologia, che è trasversale a diversi settori e il Deib, al quale fanno capi più ambiti, consente di cogliere  le opportunità offerte dalla tecnologia”.

L’altra motivazione che ha spinto alla realizzazione del nuovo spazio è la visibilità e l’intento di divulgare presso un pubblico più vasto le attività di ricerca che si svolgono al Politecnico di Milano e di incentivare l’interesse del mondo dell’industria e della società a collaborare con il mondo della ricerca.

I quattro Lab

Il laboratorio mOve si occupa di controllo automobilistico, dei veicoli intelligenti e della smart mobility, svolgendo un’attività di ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico.

 AIRLab, Merlin e NearLab sono i tre storici laboratori del Leonardo Robotics Labs. AIRLab è il laboratorio di intelligenza artificiale (AI) e robotica fondato nel 1973. “I robot sono il braccio dell’AI”, spiega il prof. Andrea Bonarini. “Nel nostro lab facciamo molta ricerca sia in ambito AI sia in ambito robotica, sia sulla loro combinazione, portando avanti una ricerca di base su robot autonomi e una ricerca applicata con progetti europei”.

Merlin è il laboratorio di meccatronica, robotica industriale, controllo del moto e robotica collaborativa, a cui è dedicata una particolare attenzione. Al NearLab si studiano, invece, soluzioni e metodi basati su robotica e AI per la terapia, la riabilitazione e l’assistenza di persone affetta da disturbi neuromotori

A spasso nel grande Lab

La visita al nuovo Lab del Deib ha consentito di vedere alcuni progetti ai quali stanno lavorando i ricercatori del Politecnico, nei settori più disparati. Nell’AIRLab, per esempio, è allo studio unprogetto di robotica agricola: un sistema per il riconoscimento dello stato di salute delle singole piante in una vigna ed un sistema per il trattamento robotizzato antiparassitario biologico.

Nel Merlin alcune dimostrazioni hanno interessato un’operazione di assemblaggio collaborativo intelligente, eseguita dall’uomo e dal robot potenziato da visione e intelligenza artificiale e una simulazione di una verniciatura di un oggetto di grandi dimensioni eseguita dall’operatore con l’ausilio del robot (nella foto).

Nel mOve sono mostrati alcuni veicoli quali ad esempio un drone autonomo per la logistica, motociclette, automobili, equipaggiate con tecnologie per lo sviluppo di nuovi e innovativi sistemi di controllo.

Al NearLab è stato possibile vedere il sistema di apprendimento intelligente per l’addestramento dei chirurghi che utilizzano il robot da Vinci (nella foto), il prototipo di robot medicale tele-operato in grado di far percepire la resistenza del tessuto, percepita dallo strumento chirurgico, all’utilizzatore remoto del sistema e un sistema di pianificazione intelligente per neurochirurgia, dove realtà aumentata e intelligenza artificiale permettono di creare un’esperienza immersiva all’interno del cervello di un paziente. (Nicoletta Buora)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here