HomeFactory AutomationRoboticaCarichi pesanti? Ci pensa il cobot Omron TM20

Carichi pesanti? Ci pensa il cobot Omron TM20

Capace di gestire carichi fino a 20kg, il nuovo cobot Omron TM20 è ideale per pallettizzazione, asservimento macchine e movimentazione di materiali.

Leggi la rivista ⇢

  • n.7 - Luglio 2024
  • n.6 - Giugno 2024
  • n.5 - Maggio 2024

Ti potrebbero interessare ⇢

Massimiliano Luce

Pallettizzazione, asservimento macchine e movimentazione di materiali sono il suo habitat naturale. Arriva TM20, il nuovo cobot di Omron per carichi fino a 20 kg. Segni particolari: ingombro ridotto e raggio d'azione di 1,3 metri.

Non solo, a dire il vero. Infatti, un'altra delle sue caratteristiche principali è il design leggero, con un peso di soli 33 kg. Ciò semplifica l'integrazione con i robot mobili, offrendo maggiore flessibilità ed efficienza negli ambienti industriali.

A proposito di integrazione: TM20 funzionare perfettamente con gli altri prodotti Omron, inclusi sensori, controller e software. I clienti industriali potranno perciò beneficiare di una soluzione di automazione industriale completa.

Il robot è dotato anche di speciali coperture per i giunti, per proteggerlo dall'olio da taglio e da altri materiali pericolosi. Da qui la sua adattabilità in applicazioni di asservimento macchine.

"Omron TM20 offre ai clienti la possibilità di automatizzare le applicazioni per carichi pesanti", commenta Fernando Vaquerizo, Fixed and Cobots Product Marketing Manager di Omron Europe. "Libera gli operatori dalle attività che richiedono il sollevamento di carichi pesanti, lavorando fianco a fianco con le persone in tutta sicurezza".

Il calcolatore del Roi di Omron supporta le aziende nel processo di valutazione dell'investimento nei robot collaborativi, incluse opportunità di leasing semplici e convenienti.

Inoltre, Omron offre un'ampia gamma di servizi di supporto, tra cui installazione, formazione e manutenzione.

Carichi pesanti? Ci pensa il cobot Omron TM20 - Ultima modifica: 2023-03-24T12:35:19+01:00 da Massimiliano Luce