Svolta nelle dimensioni della memoria dei computer

0
673

È stato oramai superato – con risultati potenzialmente clamorosi – un ostacolo fondamentale che bloccava la costruzione di microchip sempre più piccoli. La riduzione delle dimensioni della memoria dei computer è stata la svolta fondamentale che ha portato all’elettronica di largo consumo, ma negli ultimi anni limiti della fisica e della finanza avevano rallentato questo processo. Tanto che gli esperti temevano che questo avrebbe pesato come un macigno negli sforzi dei produttori di tecnologia per costruire pc, fotocamere, telefoni e altri gadget sempre più potenti. Gli ultimi sviluppi rappresentano invece la speranza che questo non accadrà.I ricercatori della Rice scrivono sulla rivista Nano Letters di essere riusciti a costruire dei piccoli “interruttori digitali” (digital switch), una componente essenziale della memoria dei computer – utilizzando metodi non convenzionali che aprono la strada a ulteriori miniaturizzazioni. Per ora i nuovi chip possono archiviare solamente dati per 1.000 bit, ma se la nuova tecnologia manterrà le promesse, entro cinque anni si potranno avere dei minuscoli chip con una capacità pari a quella degli hard disk più capienti di oggi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here