MECSPE: cresce la fiera accelerando il momento positivo del settore

0
256

ImmagineUn ponte tra il presente e il futuro, per aiutare con l’innovazione gli imprenditori nello sviluppo dei processi produttivi.

È quanto ha mostrato in questi giorni a Fiere di Parma MECSPE, la fiera internazionale delle tecnologie per l’innovazione organizzata da Senaf, che si è conclusa sabato 28 marzo e che ancora una volta ha confermato l’interesse di un elevato numero di visitatori, coinvolgendo la partecipazione di 1.229 aziende. Il prossimo appuntamento è dal 17 al 19 marzo 2016, sempre alle Fiere di Parma. «Dopo un periodo di stagnazione, le imprese della meccanica e subfornitura del nostro Paese iniziano a riacquistare fiducia nei confronti del mercato in cui operano, e i numeri in crescita costante di MECSPE, sia di espositori sia di visitatori, rappresentano il segnale del clima di ottimismo che si respira – commenta Emilio Bianchi, Direttore di Senaf; – Una manifestazione in crescita, specchio di un settore produttivo in crescita, come emerge anche dai dati dell’Osservatorio MECSPE, secondo cui oltre 9 aziende su 10 si ritengono soddisfatte dell’andamento della propria impresa. Un comparto decisivo per la ripartenza dell’industria manifatturiera e che in MECSPE trova non solo una vetrina espositiva, ma soprattutto dimostrativa, con le numerose iniziative che offrono la possibilità agli imprenditori di vedere dal vivo le innovazioni che possono essere introdotte all’interno dei processi produttivi.»

 

La fabbrica digitale

A suscitare particolare interesse è stata proprio l’iniziativa della Fabbrica Digitale – Oltre l’automazione©, che attraverso la presenza di macchine in funzione all’interno di unità dimostrative interconnesse, ha mostrato come sia possibile integrare con l’utilizzo delle tecnologie digitali tutti i sistemi e sottosistemi di una fabbrica rendendo più efficienti i processi, sia dal punto di vista della riduzione delle tempistiche e dei costi, sia da quello della scelta del miglior partner industriale, senza limiti fisici o territoriali. Cuore della Fabbrica Digitale è stato il nuovo prototipo di vettura elettrica da corsa superleggera (dal peso massimo di 20 kilogrammi) progettata dal team H2Polito del Politecnico di Torino, con il supporto di partner industriali. Tre giorni che hanno saputo offrire ai visitatori una panoramica completa delle ultime innovazioni in molteplici settori, dalle applicazioni rivolte al mondo della riabilitazione, allo sport fino alla stampa 3D. Tra le novità si evidenziano i progetti mostrati dall’Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna (WAY, un esoscheletro di mano volto al recupero della funzionalità della mano post trauma e CYBERLEGs, incentrato sulla realizzazione di un sistema di ausilio alla camminata naturale per soggetti a mobilità ridotta) e dall’Università degli Studi di Padova, tra cui Nao, l’umanoide in grado di ballare e di rialzarsi in caso di caduta, e Orobot, un robot autonomo sviluppato per assistere gli anziani in casa.  Momento di “attrazione” inoltre al salone 3DPrint Hub, l’evento nato per far incontrare e mettere in relazione la stampa 3D e il mondo produttivo, in cui all’esposizione di stampanti 3D, scanner e software, si sono affiancate aree dimostrative e workshop. Oltre all’innovazione, formazione e internazionalizzazione sono stati i fattori chiave individuati dalle imprese per la spinta del settore. Ed è per questo che per rispondere a queste esigenze, all’interno di MECSPE, sono state definite iniziative ad hoc che hanno ottenuto un riscontro positivo da parte di aziende e visitatori. Per quanto riguarda l’asset formazione, il Laboratorio di produzione stampi dei Centri di Formazione Professionale Salesiani (CNOS-FAP) ha dato la possibilità a dieci ragazzi del quarto anno, coordinati da un loro docente tecnico, di occuparsi della manutenzione e della revisione di uno stampo, operando nei diversi ambiti produttivi e realizzando quotidianamente i processi di lavoro, sotto la supervisione degli specialisti delle aziende, che li hanno guidati nello sviluppo delle tecnologie e dei processi legati allo stampaggio a iniezione della plastica.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here