L’idroelettrico più del nucleare, del carbone e delle rinnovabili

0
609

Secondo uno studio congiunto della University of Lincoln e del Politecnico di Milano, come impatto ambientale, economico e sociale, l’idroelettrico è superiore a nucleare, carbone, petrolio gas. Esistono molti studi sulle caratteristiche economiche delle centrali elettriche, ma la maggior parte analizza l’argomento come flussi economici piuttosto che come fattori ambientali, diventati negli ultimi anni molto più importanti. In questo caso il team di ricercatori ha incrociato le principali fonti energetiche con valutazioni di tipo ambientale, economico e sociale, evidenziando che tutti i parametri sono soddisfatti al meglio proprio dall’energia idroelettrica, giudicata sostenibile sul piano ambientale, economico e anche dell’impatto sociale; al secondo posto si collocano nucleare e carbone, mentre petrolio e centrali a gas sono evidenziate come la scelta peggiore considerando tutti i fattori nel complesso. Tra gli elementi valutati dai ricercatori: sicurezza del rifornimento di carburante, impatto sull’ambiente, accettazione pubblica, instabilità del prezzo del carburante, rischio di incidenti gravi e dimensioni dell’area di emergenza (parametro emblematico del caso delle centrali nucleari), associando a ciascuno un peso. Rispetto alle energie da fonti rinnovabili, si sostiene che il solare e l’eolico non riusciranno a tenere il passo con la richiesta crescente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here