Aspettative di lieve crescita dei Machine builder tedeschi nel 2016

0
470

marketIl 2015 è stato un anno di crescita per i costruttori di macchine tedeschi, e la VDW, Verein Deutscher Werkzeugmaschinenfabriken (associazione tedesca dei costruttori di macchine utensili) ha recentemente rilasciato una previsione per il 2016 in cui si evidenzia ancora una crescita, ma molto meno robusta. Se l’anno scorso vi era stato un incremento del 4%, che ha portato a un fatturato di 15,1 miliardi di euro, nel 2016 ci si aspetta un modesto 1%. Secondo uno studio di VDW in collaborazione con Oxford Economics, sarà del 4,2% la crescita della domanda globale di macchine utensili, del 4,6% in Europa, del 4,5% in Asia e del 2,5% nelle Americhe. Gli ordinativi dalla Cina contano per circa un quarto per i produttori tedeschi, ma sono calati dell’8% nel 2015 rispetto al 2014, e le ristrutturazioni in atto nel Paese asiatico continueranno a pesare anche quest’anno. La Germania esporta il 70% delle macchine utensili, e nel 2015 vi è stato un incremento del 4%, per un valore di 9,4 miliardi di euro; le esportazioni verso Paesi europei sono salite dell’8%, mentre sono calate del 5% quelle verso l’Asia. Secondo VDW la domanda globale continuerà a essere caratterizzata da marcata instabilità, con la Cina alle prese con il suo primo calo nel manufacturing, con la Russia che deve fare i conti con il calo del prezzo del petrolio e il Brasile in seria recessione. VDW vede interessanti opportunità di export verso Iran, Messico e i Paesi dell’ASEAN (Association of South-East Asian Nations), anche se a livelli molto diversi dato che di questo gruppo oltre a Paesi già in via di sviluppo, quali Indonesia, Malesia, Filippine, Singapore e Thailandia, fanno parte anche Brunei, Vietnam, Laos, Birmania e Cambogia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here