Vesta porta a MECSPE un nuovo concetto di isola di valvole: nasce EWJ

Vesta Automation, azienda attiva dal 1984 nella progettazione e produzione di componenti pneumatici per l’automazione industriale, presenterà durante la prossima edizione del MECSPE (dal 23 al 25 novembre a BolognaFiere) un nuovo sistema modulare di elettrovalvole in connessione multipolare, la serie EWJ.

Tre innovazioni assolute

1: Capacità di autoapprendimento e occupazione automatica dei segnali

L’unicità di EWJ sta in tre innovazioni assolute che Vesta porta nel panorama della pneumatica. La prima è la capacità di autoapprendimento e occupazione automatica dei segnali presenti, rendendo la sequenza dei moduli valvola indipendente dalla connessione elettrica. Nessun pin viene quindi assegnato alle stazioni prive di solenoide, poiché ciascun segnale di comunicazione controlla solo i solenoidi che sono stati installati. Grazie ai microprocessori inseriti nei moduli della testata e delle schede valvole, durante la prima attivazione ogni pin viene automaticamente assegnato al primo solenoide disponibile con una memorizzazione automatica della configurazione. Se una nuova configurazione è necessarie, sarà disponibile una chiave di reset.

2: Segnale di comando e comunicazione in un unico segnale input

La seconda novità è il segnale di comando e comunicazione in un unico segnale input. Questo permette l’ottimizzazione del numero pin disponibili, garantendo ad esempio il controllo di un massimo di 24 solenoidi con la connessione D-SUB25. Il consumo è inoltre ridotto a 1W di potenza assorbita.

3: Indipendenza di montaggio tra componenti pneumatici ed elettrici/elettronici

Ulteriore caratteristica è l’indipendenza di montaggio tra i componenti pneumatici e quelli elettrici/elettronici, che consente di assemblare e sostituire con estrema praticità il solo corpo di ogni singola valvola, facilmente accessibile singolarmente, non interferendo con la connessione elettrica, e viceversa.

Caratteristiche e vantaggi

La novità di EWJ, che nasce come evoluzione naturale del progetto di isola multipolare 4HF, lanciato da Vesta nel 2005, promette dimensioni compatte, bassi consumi e ingombri ridotti. Il tutto pur mantenendo elevati standard qualitativi, prestazioni solide e un design piacevole e moderno. Il corpo valvola deriva dalla serie Vesta JT, prodotto che ha dato prova di essere affidabile ed efficiente da almeno una decade, garantendo un alto flusso (fino a 600 NL/min di flow rate nominale), azionamenti rapidi e durabilità nel tempo.

 

Sistema di alimentazione e versioni

La nuova isola sarà disponibile con sistema di alimentazione plug-in D-SUB 25 o D-SUB 44, disposto in orizzontale o verticale. La serie EWJ sarà sviluppata prossimamente anche nella sua versione NETLOGIC. L’obiettivo è collegare direttamente il terminale con i più comuni protocolli fieldbus. Tra questi Profinet, I/O Link, Modbus ed Ethercat, tramite piastre di connessione dedicate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here