Un riferimento per l’innovazione

Costantino Ghigliotti, Sales Manager per la Factory Automation Sick,
Costantino Ghigliotti, Sales Manager per la Factory Automation Sick,

Ottimismo, fiducia in una ripresa dell’industria italiana e grande dinamismo nelle soluzioni tecnologiche proposte al mercato in una logica di continuità: questo l’insieme delle impressioni che abbiamo avuto colloquiando con Costantino Ghigliotti, Sales Manager per la Factory Automation, e con Luca Cravero, Strategic Industry Manager Motion & Drives. Prima di parlare di prodotti, occorre però soffermarsi sull’identità che l’azienda ha nel tempo assunto, ricordando anche che nel 2006 SICK ha celebrato il 60° anniversario dalla sua fondazione avvenuta, appunto, nel 1946. La filiale italiana, presente dal ’96, con la sua qualificata struttura organizzativa copre tutto il territorio nazionale supportando le esigenze dei clienti con forze vendita, tecnici e specialisti di prodotto, operando secondo una cultura aziendale che ha nel tempo assunto una forte identità, nella costante adesione a un messaggio preciso, sintetizzabile in Sensor intelligence, indipendenza, innovazione e leadership. Se Sick è tra i leader mondiali nella produzioni di sensori per applicazioni industriali, l’elemento diversificante, sta nella sua “intelligent sensor technology”, da leggersi in una logica di evoluzione. A una nostra domanda, con cui chiedevamo se nell’ambito dell’attuale offerta di soluzioni per applicazioni industriali vi fossero delle proposte particolarmenti innovative, di “rottura col passato”, sia dal punto di vista tecnologico che funzionale, come risposta ci è stato detto che si deve parlare di evoluzione continua, non di rottura con il passato, e del resto un’identità forte non può che essere un punto di incontro tra il passato e il futuro, con una leadership che è diretta conseguenza dell’essere diventati, proprio per questa continuità, un punto di riferimento. Da ricordare, e di questo faremo cenno più avanti, che novità di prodotto quali le nuove barriere di sicurezza deTec4 Core e deTec2 Core si collocano su una linea di sviluppo che inizia nel lontano 1952, quando fu presentata la prima barriera di sicurezza in commercio in occasione di una fiera internazionale delle macchine utensili, ad Hannover. Ma allora, cosa si intende per innovazione? Difficile sintetizzare, anche se una buona definizione è quella di miglioramento apprezzabile che produce un beneficio, il che porta con sè non solo la capacità di concepire e sviluppare nuovi prodotti, ma soprattutto studio e attenzione alla loro applicazione pratica. Sick aggiunge anche, come messaggio, l’indipendenza, la capacità o meglio la volontà di agire in modo indipendente, pur con uno scopo e regole ben chiare, da cui un approccio implicitamente innovativo, non legato a schemi imitativi o precostituiti, al miglioramento di prodotti e processi.

Luca Cravero, Strategic Industry Manager Motion & Drives Sick.
Luca Cravero, Strategic Industry Manager Motion & Drives Sick.

Un cenno ai prodotti

Abbiamo volutamente scelto questo titolo di “basso profilo” in quando non è possibile addentrarsi in un’elencazione lontanamente esaustiva di quanto Sick offre al mercato, anche solo come tipologie di prodotti. Il primo riferimento riguarda il Motion Control, che in tutte le sue possibili declinazioni sta vivendo una fase di grande vitalità, almeno così riteniamo di poter affermare dalla visibilità di mercato che ci consente la nostra rivista. In questo contesto occupa un ruolo di grande importanza per Sick, in ambito encoder per feedback, l’interfaccia sincrona bidirezionale multicanale Hiperface DSL che, oltre a trasferire informazioni di velocità e posizione, supporta segnalazioni di eventi, parametri dell’applicazione, nonché dati di processo. Come ci è stato sottolineato, Hiperface DSL apre allo sviluppo di una nuova generazione di azionamenti e motori nei quali la comunicazione è puramente digitale, al contrario di quanto finora utilizzato con sistemi di comunicazione ibridi (analogici + digitali). Come dettagli, questa interfaccia è conforme allo standard RS485, con una velocità di trasmissione di 9,375 MBaud, e connessione con l’encoder tramite una singola coppia di conduttori all’interno del cavo di potenza del motore, fino a 100m di distanza tra lo stesso e l’azionamento, con aggiornamento del valore di velocità e posizione ogni 11,95 μs. Tra i vantaggi: un connettore in meno sul motore, da cui minori ingombri per la motorizzazione e la possibilità di una completa rivisitazione del design di una macchina, ottimizzandone gli spazi. Si era poi fatto cenno prima alle barriere di sicurezza. Qui primeggiano i modelli deTec4 Core, Type 4 (IEC 61496), SIL3 (EN 62061), PL e (EN ISO 13849), e deTec2 Core, Type2 (IEC 61496), SIL1 (IEC 61508), PL c (EN ISO 13849); per entrambe, tra i plus: installazione semplice grazie all’innovativo set di montaggio e all’assenza di zone cieche, messa in servizio veloce tramite display a Led integrato e regolazione automatica della distanza di lavoro fino a 10m. Da ricordare la brillante soluzione rappresentata dalla barriera FLG (Frame Light Grid) per rilevare oggetti in caduta libera, in pratica per rilevare l’espulsione e il conteggio di minuterie; disponibile in tre formati per tre diverse distanze di rilevamento, per piccoli oggetti fino a 2mm di dimensioni, la FLG costituisce un sistema a “senso unico” nel quale il trasmettitore e il ricevitore sono permanentemente installati in un’unica struttura. Questo prodotto è per certi versi una conferma di quanto si diceva prima in materia di innovazione come intesa da Sick: capacità di concepire e sviluppare nuovi prodotti, ma soprattutto studio e attenzione alla loro applicazione pratica. Per quanto riguarda le altre novità presentate in occasione della recente manifestazione SPS di Parma, per non scadere in un semplice elenco sintetico che rischierebbe di sminuire la valenza tecnologica e applicative della proposta di Sick, per specifici approfondimenti sollecitiamo i nostri lettori a sfruttare le numerose risorse on line rese disponibili dall’azienda.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here