Trofeo Omron Smart Project 2020: vince l’ISS G.Pentasuglia

È stato l’IIS G.Pentasuglia di Matera a vincere il primo premio del Trofeo Omron Smart Project 2020. L’evento,  organizzato da Omron con il patrocinio del ministero della Pubblica Istruzione, è giunto alla tredicesima edizione e ha visto la partecipazione di 19 istituti tecnici provenienti da tutta Italia, alcuni dei quali hanno proposto più di un progetto. Dieci sono stati i progetti finalisti presentati dagli studenti nel corso della videoconferenza conclusiva.

Il progetto dal titolo “Linea produttiva di scelta ed identificazione prodotti”, primo classificato, è stato illustrato da Nicolas Nicoletti e Niklas Sallali, studenti della classe V dell’IIS G. Pentasuglia e allievi del professor Michele Centonze.

Si è aggiuducato il secondo posto il progetto “Automatic Paper Production” che ha coinvolto Matteo Martini e Francesco Ratti, studenti dell IV classe dell’IIS Domenico Zaccagna di Avenza di Carrara, allievi dell’insegnante Roberto Biasci. In terza posizione si è classificato il progetto “Processo di riciclaggio del vetro”, presentato da Davide Patriarca e Alessio Di Bona, alunni della classe V dell’ITIS MOVM Morosini di Ferentino (Fr) e allievi del docente Giuseppe Varone.

I tre premi assegnati consistono in un vaucher di 4000 euro per il progetto primo classificato, di 3000 euro per il secondo, di 2000 per il terzo, da spendere in prodotti Omron per il proprio istituto scolastico.

Un riconoscimento speciale è stato dato a Giancarlo Raspa e Luca Babboni della classe V dell’ITTS O. Belluzzi L.Da Vinci di Rimini, allievi del professor Gabriele Taddei. Il loro progetto, “Impianto di riciclaggio”, ha vinto il premio “Eccellenza nella comunicazione” assegnato da una giuria composta da giornalisti e dirigenti Miur e Omron.

Tutti gli istituti che hanno presentato almeno un progetto e non sono stati premiati ricevono in dono un NX1 Position Starter Kit di Omron.

«La qualità dei contenuti dei progetti presentati al Trofeo è ogni anno sempre più alta», ha commentato Andrea Nespoli, sales manager di Omron Italia. «Nelle presentazioni sono emerse grande preparazione ma anche passione ed emozione».

Oltre alle difficoltà legate al Covid-19, che ha costretto studenti e docenti a concludere le ultime fasi del progetto collaborando a distanza si è aggiunto un cambiamento determinato dall’utilizzo della Sysmac Platform di Omron in sostituzione della piattaforma CX-One, che ha contribuito al raggiungimento di risultati qualità superiore.

«I software con cui avete lavorato – ha concluso Nespoli rivolgendosi agli studenti – sono gli stessi che potrete trovare nelle aziende. Questo evento è un ulteriore contributo nell’avvicinare la scuola al mondo del lavoro».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here