HomeFactory AutomationRoboticaSoft Robotics, nuova frontiera della robotica

Soft Robotics, nuova frontiera della robotica

Leggi la rivista ⇢

  • n.5 - Maggio 2024
  • n.4 - Aprile 2024
  • n.3 - Marzo 2024

Ti potrebbero interessare ⇢

Nicoletta Buora

 La crescente necessità di robot nelle attività sociali, in ambienti non strutturati, a contatto con gli esseri umani, sta aprendo nuovi scenari che puntano a superare la struttura rigida dei robot, a favore dell’introduzione di parti robotiche “morbide”, facilmente malleabili, capaci di adattarsi a vari contesti.

Da qui si sviluppa la Soft Robotics che, stando a una definizione dell’Istituto di Biorobotica della Scuola superiore di studi universitari e di perfezionamento Sant'Anna, è un campo interdisciplinare che si occupa di robot costruiti con materiali morbidi e deformabili, in grado di interagire con gli esseri umani e l’ambiente circostante.

La Soft Robotics non è solo una nuova frontiera dello sviluppo tecnologico, ma un nuovo modo di avvicinarsi alla robotica scardinando le convenzioni e sfruttando un potenziale tutto nuovo per la produzione di una nuova generazione di robot capaci di sostenere l’uomo in ambienti naturali. Il riferimento alla biorobotica non è casuale in quanto i Soft Robot sono spesso, anche se non necessariamente, bio-inspired.

Più precisamente la biorobotica è da considerarsi come quella branca della robotica il cui obiettivo è sviluppare macchine e dispositivi intelligenti ispirati alla natura e ai principi che la regolano, quindi replicare il meccanismo biologico di funzionamento di alcuni esseri viventi, uomo compreso, per sfruttarne le caratteristiche a fini pratici che per ora sono particolarmente significativi nel settore ambientale e in quello medico-riabilitativo, con protesi robotiche ed esoscheletri. Leggi di più su Automazione Integrata

http://tnviewer.getpixelbook.com/92fd198281744edbe6ab6443370eb8a5/?p=2

Soft Robotics, nuova frontiera della robotica - Ultima modifica: 2017-06-06T10:23:14+02:00 da Nicoletta Buora