Mia, l’innovativa mano robotica, si aggiudica il prestigioso premio Red Dot Design Award

È in parte merito anche di Creo, la suite CAD/CAM/CAE 3D per la progettazione meccanica di PTC, il prestigioso riconoscimento ottenuto da Mia, la mano robotica progettata da Prensilia  con Elastico Disegno, che si è aggiudicata il Red Dot Design Award 2019, premio internazionale che incorona ogni anno i prodotti e i progetti di design più innovativi.

Obiettivo della giuria internazionale è onorare l’eccellenza di un prodotto esclusivo, nel quale il design è stato plasmato e concepito in funzione di un utilizzo ottimale dell’oggetto e non esclusivamente per il suo aspetto estetico.

Tecnologia italiana

Il progetto che ha visto la nascita di Mia è stato condotto dal team dei ricercatori di Prensilia, spin-off dell’Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, fiore all’occhiello della Biorobotica italiana, che per la parte di design si è avvalsa della collaborazione di Elastico Disegno, noto e pluripremiato studio piemontese che ha saputo coniugare la tecnologia più avanzata con caratteristiche di ergonomia, funzionalità e design più appropriati.

Dal punto di vista tecnico Mia può essere definito un end-effector elettrico antropomorfo, con funzionalità simili alla mano umana. Il punto è che, a differenza di altri progetti, Mia sovverte le logiche tradizionali che sono alla base della progettazione e del design degli arti artificiali.

Il successo del progetto Mia nasce dalla combinazione di una serie di elementi, primo tra tutti la stretta collaborazione tra i due team degli ingegneri di Prensilia e di Elastico Disegno che, avvalendosi anche della piattaforma di progettazione Creo di PTC, hanno potuto operare in modalità collaborativa per mettere a frutto efficaci sinergie. Grazie a Creo è stato possibile raccordare le esigenze progettuali legate alle funzionalità meccaniche dell’arto con quelle legate a design, estetica ed ergonomia.

Sotto questo aspetto si è dimostrata vincente l’innovativa funzionalità Freestyle di Creo, mediante la quale è possibile creare superfici e forme libere mediante funzionalità di modellazione sottodivisionale che, concettualmente, consentono al designer di operare sulle geometrie come se stesse manipolando un blocco di plastilina.

Sul fronte biomedico…

Dal punto di vista biomedico, Mia non ha nulla a che vedere con gli arti tradizionali: non solo nel suo aspetto estetico, ergonomico e funzionale, ma anche nelle modalità di utilizzo. Mia verrà infatti abbinata ad un impianto permanente, con i sensori che ne controllano il movimento chirurgicamente collegati ai muscoli ed alle terminazioni nervose della parte restante dell’arto.

Questo carattere di permanenza dell’impianto e la maggiore flessibilità nel controllo della mano hanno orientato le scelte di design in funzione di nuove esigenze motorie e di un maggior livello di protezione delle delicate parti meccaniche, dei circuiti elettrici e delle batterie. Un morbido materiale siliconico ricopre i polpastrelli, permettendo un livello superiore di usabilità, mentre una copertura nera in plastica rigida protegge parte delle dita, il dorso e il palmo della mano, dove sono alloggiati motori e circuiti elettrici.

Lo sviluppo dalla mano Mia, che è stato condotto nell’ambito del progetto DeTOP finanziato dalla Comunità Europea all’interno del programma Horizon 2020, è attualmente in sperimentazione in Svezia, dove è stato realizzato il primo impianto su uomo.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here