La NASA premia gli studenti napoletani del Righi

Gli studenti napoletani del Righi sono arrivati terzi nella finale del prestigioso, e conosciutissimo, Campionato Mondiale Zero Robotics, organizzato dal MIT e dalla NASA.

Zero Robotics è una competizione internazionale di programmazione di robotica aerospaziale, che si basa sulla programmazione di speciali robot denominati SPHERES, ovvero satelliti artificiali simil-sferici (in realtà a 18 facce), realizzati dal MIT, situati all’interno della Stazione Spaziale Internazionale.

I partecipanti alla gara possono creare, modificare, condividere, simulare, e presentare il proprio codice, attraverso il proprio browser web. Dopo varie fasi di svariate competizioni virtuali secondarie, si selezionano i finalisti per competere dal vivo in un campionato a bordo della ISS. Un astronauta condurrà la competizione finale in una situazione di microgravità attraverso un canale di comunicazione in diretta.

Una giornata molto particolare per la squadra napoletana che ha dovuto affrontare vari intoppi: mentre gli studenti, di tutte le squadre, erano tutti nella sala della Nasa, si riscontra un problema nel satellite che porta i programmi elaborati dagli studenti sino alla stazione orbitante internazionale. Quei programmi guidano il robot che deve compiere una precisa missione, stabilita dai tecnici della Nasa e dai professori del MiITper le 14 squadre di scuole di tutto il mondo giunte in finale. Ma il satellite ha qualche problema, La Nasa se ne accorge. Si cerca quindi di risolvere il problema. Tutto viene rimandato.

Sono le 18,30 di lunedì 28 gennaio, ora italiana. E si esaurisce la finestra temporale di tre ore durante la quale la stazione orbitante era a disposizione della competizione Zero Robotics. Tutto slitta. Non ci sono certezze sui tempi. E i cinque studenti del Righi, divorati dall’ansia, si fanno coraggio stringendosi tra loro e commentando con gli studenti americani un imprevisto che ha spiazzato tutti.

Risolto il problema, ma terminato il tempo a disposizione, la NASA comunica il raggiungimento del terzo gradino del podio per i ragazzi del Righi, arricchito anche da una menzione speciale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here