HomeIndustria 4.0Incentivi e Transizione 4.0La Lombardia raccoglie la sfida dell'Industria 4.0

La Lombardia raccoglie la sfida dell’Industria 4.0

Per fare funzionare il Piano nazionale per l'Industria 4.0 anche le Regioni devono fare la loro parte. E' questo il messaggio lanciato da Luca Del Gobbo, assessore lombardo all'Università, Ricerca e Open innovation

Leggi la rivista ⇢

  • n.2 - Maggio 2022
  • n.1 - Marzo 2022
  • n.4 - Novembre 2021

Ti potrebbero interessare ⇢

La Redazione

Il tema dell’innovazione in quella che viene definita la quarta rivoluzione industriale è certamente di grandissima attualità. “Regione Lombardia ha deciso di essere in campo, con coraggio e determinazione, investendo sulla libertà, sulla creatività e sull’entusiasmo delle imprese e dei ricercatori”. Lo ha detto l’assessore regionale all’Università, Ricerca e Open innovation, Luca Del Gobbo, intervenendo al workshop ‘L’innovazione per l’industria 4.0’.

In questo contesto, la nuova legge regionale “Lombardia è Ricerca e Innovazione” è strutturata proprio per dare una spinta ancora più decisa ad un ricco ecosistema, completando un percorso di sostegno al tessuto economico lombardo iniziato proprio nel 2014 e che caratterizza l’attuale legislatura.

Il ruolo della Regione in un mondo che cambia

“La Regione, in linea con i principi di libertà e sussidiarietà che l’hanno sempre guidata, non si sostituisce a chi fa impresa, ma assume un ruolo più forte di governance e coordinamento di quelle esperienze positive che esistono, che generano lavoro, innovazione e ricchezza ancora prima che una iniziativa legislativa fissi delle norme,” ha continuato Del Gobbo. Da qui ne deriva anche un criterio attraverso cui misurare l’efficacia degli interventi statali. Il Piano nazionale Industria 4.0, secondo l’assessore, al di là degli importanti incentivi e misure di de-fiscalizzazione, non si limiterà ad essere “un evento spot promosso nell’ultimo anno di legislatura se verrà inserito, da chi l’ha promosso come da coloro che gli succederanno, in un contesto più ampio di interventi in cui il ruolo della politica si limita appunto a coordinare”.

Un vero ‘Piano per l’industria 4.0’, pertanto, funzionerà quanto più chi governa e amministra saprà cogliere la sfida di un mondo che cambia. Dalla regolazione del mercato del lavoro, a quello della formazione di giovani maestranze specializzate e al rapporto tra scuola e mondo delle imprese, alla formazione on the job, alla riqualificazione professionale e alla transizione tra diversi posti di lavoro fino al tema della rilocalizzazione di imprese manifatturiere andate all’estero negli ultimi decenni. “Solo chi saprà mettere in campo una serie di misure che abbiano un approccio globale e inclusivo di tutte queste materie saprà vincere quella sfida,” ha concluso Del Gobbo.

La Lombardia raccoglie la sfida dell’Industria 4.0
- Ultima modifica: 2017-03-30T15:24:25+02:00
da La Redazione
La Lombardia raccoglie la sfida dell’Industria 4.0 - Ultima modifica: 2017-03-30T15:24:25+02:00 da La Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui