HomeScenariInfor: gli elementi chiave delle smart factory competitive

Infor: gli elementi chiave delle smart factory competitive

Leggi le riviste ⇢

Ti potrebbero interessare ⇢

La Redazione
Rick Rider, Vice President of Product Management di Infor www.MaxiPixel.se All Rights Reserved

Un mondo del business in continua evoluzione, che richiede un elevato livello di scalabilità e nuove modalità per supportare l’operatività dei dipendenti, che si sposta sempre più al di fuori dall’ambiente aziendale. Le nuove piattaforme applicative aziendali (Eaps), insieme ad AI, analytics e ridefinizione dei processi sono gli elementi chiave per smart factory competitive. Rick Rider, Vice President of Product Management di Infor, traccia le previsione tecnologiche per il 2022.

1.Con l’emergere delle moderne Enterprise Applications Platforms (Eaps), la scalabilità si estenderà a livello dei processi aziendali.

I sistemi ERP si stanno evolvendo verso moderne Enterprise Application Platforms (Eaps), per questo motivo è necessario cercare soluzioni con piattaforme estese in grado di offrire scalabilità non solo in ambienti cloud, ma anche in ambienti ibridi cloud/on-premise. Una scalabilità che, dal livello di applicazione, sarà ulteriormente estesa al processo aziendale. Questo significa che le imprese avranno bisogno di un modello operativo standard e di una piattaforma per un’integrazione coerente tra workflow, analisi dei dati ed estensibilità. Per soddisfare esigenze specifiche, gli utenti non vorranno prendere qualcosa out of the box, ma costruire i propri processi e le proprie esperienze.

2. AI, intelligence e ridefinizione dei processi di business diventeranno sempre più rilevanti nelle decisioni d’acquisto.

Nessuna azienda è uguale a un’altra. Gli utenti vorranno definire facilmente le relazioni commerciali in un sistema flessibile. Pertanto, ci aspettiamo che il dibattito sui microservizi acceleri, poiché le aziende si sforzano di costruire e assemblare i propri sistemi software, come se stessero progettando una nuova casa. Le imprese inizieranno a utilizzare moderne piattaforme applicative aziendali (Eap), che permetteranno non solo di adattare i processi di business alle proprie esigenze, ma saranno anche autosufficienti e correttive, grazie all’intelligenza artificiale e all’intelligenza incorporata nel framework.

3.La (moderna) convergenza tra analytics, intelligence e user experience contribuirà a un decision making migliore e in tempo reale.

Nel 2022 sarà fondamentale fornire informazioni puntuali, invece di affidarsi alle dashboard tradizionali, che riportano dati ormai superati. I dati storici e le rappresentazioni del passato non sono sufficienti per un processo decisionale di successo. L’intelligenza predittiva deve integrarsi nel processo stesso. Inoltre, questi insight sono fondamentali nel momento in cui bisogna prendere decisioni e agire, e non essere disponibili in un luogo operativo separato. Per essere efficaci, data fabric, business intelligence, AI/machine learning e user experience devono integrarsi in un’unica soluzione.

4.Le soluzioni “Edge” saranno definite e applicate in modo diverso

Nella maggior parte dei casi le soluzioni “core” ed “edge” sono già collegate, e queste ultime non si riferiscono più solo ai dispositivi. Questa visione riconosce che alcune attività aziendali hanno ancora l’esigenza di mantenere il controllo locale on premise. Sarà essenziale operare in un vero business ibrido cloud/on-premise, senza impattare sulla produttività. I clienti avranno bisogno di innovazioni cloud, ad esempio sotto forma di machine learning e, allo stesso tempo, della capacità di applicare queste tecnologie ai loro sistemi on premise, non solo a dispositivi “edge” stereotipati.

5. I dispositivi voice-enabled e gli assistenti digitali saranno strumenti aziendali essenziali negli ambienti di lavoro a distanza.

Mentre il mondo del business si muove verso ambienti di lavoro a distanza, la definizione di user experience continua a cambiare. Con l’accesso e le funzionalità vocali che sono state per molto tempo promosse all’interno dell’azienda, i controlli di sicurezza continueranno a farsi più serrati, e i dipendenti avranno bisogno di nuovi modi per lavorare lontano dagli schermi tradizionali. Nel 2022, ci aspettiamo che gli utenti richiedano quasi tutte le funzionalità operative attraverso dispositivi voice-enabled, con assistenti digitali che aumentano e automatizzano i compiti.

Infor: gli elementi chiave delle smart factory competitive
- Ultima modifica: 2022-01-26T08:00:49+01:00
da La Redazione
Infor: gli elementi chiave delle smart factory competitive - Ultima modifica: 2022-01-26T08:00:49+01:00 da La Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui