Distretti protagonisti con la meccanica 4.0

Tra il 2008 e il 2017 i distretti hanno registrato una crescita pari al 13%, a fronte del +8,7% delle aree non distrettuali.

Non è tutto: più elementi portano a pensare che i distretti industriali possano continuare a essere un punto di forza dell’economia italiana.

È quanto emerge dal decimo rapporto annuale sull’economia e finanza dei distretti industriali 2017 di Intesa Sanpaolo.

Ne è testimonianza la capacità delle imprese della meccanica di offrire macchinari interconnessi e soluzioni meccatroniche (il 69% delle imprese dichiara di produrre macchinari 4.0), grazie anche ai forti legami con la filiera ICT.

Il 60% delle imprese della meccanica nell’ultimo anno ha fatto acquisti di tecnologia ICT da fornitori localizzati in Italia, con punte dell’80% tra le imprese di dimensioni medio-grandi.

Inoltre, altrettanto importante risulta lo sviluppo in prossimità dei territori distrettuali di poli ICT, in grado di fornire tecnologia utile per introdurre innovazione sia nei processi produttivi sia nei prodotti.

Nei poli ICT di Milano, del Veneto e di Bologna e Modena la distanza media degli scambi tra fornitori e acquirenti di tecnologia è bassa (inferiore ai 150 km), mostrando così relazioni molto strette fra attori appartenenti alla stessa area.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here