HomeContenuti SponsorizzatiControllo di precisione di forza e coppia con i motori LinMot

Controllo di precisione di forza e coppia con i motori LinMot

Tra i motori lineari rotativi LinMot, quelli della serie PR02 spiccano per la loro compattezza e semplicità di utilizzo

Leggi le riviste ⇢

Ti potrebbero interessare ⇢

Francesca Nebuloni

Con i suoi motori lineari rotativi, che vantano un’elevata flessibilità, velocità e dinamicità, LinMot soddisfa le esigenze delle applicazioni di assemblaggio, avvitatura e chiusura.

La costruzione è semplice e contempla un servomotore lineare e uno rotativo, che riduce gli spazi e permette movimenti combinati. I motori lineari rotativi sono esenti da usura e dispongono di diverse opzioni di equipaggiamento.

Controllo di precisione di forza e coppia con i motori LinMot

In particolare, i motori rotativi lineari PR02 sono stati attentamente progettati per sfruttare i vantaggi della combinazione meccanica di due servomotori elettrici nel più piccolo spazio di installazione possibile. Di conseguenza, questo dispositivo “pronto per l’uso” offre al costruttore della macchina un componente che consente una semplice realizzazione di movimenti lineari e rotativi complessi.

Lo speciale design consente di ridurre al minimo la massa in movimento, permettendo di utilizzare la piena dinamica per il ciclo della macchina. Entrambi i motori, ovviamente, possono essere azionati indipendentemente o sincronizzati

È possibile integrare dei sensori di forza e di coppia se la valutazione della corrente assorbita non è sufficientemente precisa per l’applicazione. Questi sensori consentono di realizzare in maniera semplice processi ad alta precisione, riproducibili e registrabili come richiesto dall’industria farmaceutica o nelle applicazioni dell’Industria 4.0 in generale. 

Controllo di precisione di forza e coppia con i motori LinMot - Ultima modifica: 2022-09-06T15:38:30+02:00 da Francesca Nebuloni
Controllo di precisione di forza e coppia con i motori LinMot - Ultima modifica: 2022-09-06T15:38:30+02:00 da Francesca Nebuloni