2ª Tappa della “Carta delle Idee della Robotica Collaborativa”

Il 30 settembre andrà in scena il secondo appuntamento di approfondimento delle idee contenute nel manifesto di Universal Robots, la Carta delle Idee della Robotica Collaborativa. Insieme a Donatella Solda e Alessandro Tassinari della fondazione FEM di Modena, e a molti altri ospiti, si dibatterà delle potenzialità della robotica come veicolo di formazione scolastica fin dai primi cicli di scolarizzazione.

Cobotica come strumento per sviluppare capacità trasversali

La robotica (collaborativa) come strumento per sviluppare capacità trasversali di problem solving, pensiero creativo, per costruire team di progetto e lavoro. Anche nelle aule delle scuole elementari. Questa, in sintesi, la proposta avanzata da FEM – Future Education Modena e contenuta all’interno della Carta delle Idee della Robotica Collaborativa, il manifesto che Universal Robots ha realizzato con 12 esperti italiani di robotica, formazione, lavoro.

«La robotica collaborativa permette di agire su un sistema di competenze molto vasto. Competenze trasversali, competenze digitali e competenze di problem solving matematico avanzato, come ad esempio nelle sperimentazioni FEM» commenta Donatella Solda di FEM. Il rapporto tra sistema educativo, player tecnologici internazionali come Universal Robots e sistema industriale non può che creare benefici per il sistema educativo: abbiamo bisogno dei migliori strumenti e delle migliori idee per portare l’educazione nel 21mo secolo. La robotica collaborativa rappresenta un toolkit metodologico di grande potenziale».

Rendere operativa e concreta l’idea

Il prossimo 30 settembre Universal Robots, insieme a FEM e a rappresentanti di istituzioni, università, scuole di robotica, discuterà di come rendere operativa e concreta questa idea.

«Formazione, training, ma anche alfabetizzazione robotica sono per Universal Robots temi centrali – commenta Gloria Sormani, Country Manager Italia UR. Siamo stati i primi a istituire un’Academy gratuita dedicata agli operatori industriali e i nostri cobot sono già da anni impiegati con successo in molte aule scolastiche di istituti superiori e università, dove – grazie alla sicurezza e semplicità d’uso – rappresentano uno strumento essenziale per trasmettere competenze ormai imprescindibili per stare al passo con il mondo del lavoro. L’obiettivo dell’appuntamento del 30 settembre, che coinvolge diversi attori della filiera dell’educazione scolastica, è di individuare strumenti e azioni da implementare per rendere a tutti gli effetti un’idea preziosa come quella di FEM, una prassi condivisa e applicata nel maggior numero di scuole del Paese».

Appuntamento il 30 settembre online, alle ore 11. Iscrizioni a questo link.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here