HomeFactory AutomationRoboticaUn controller supercompatto per la robotica avanzata

Un controller supercompatto per la robotica avanzata

Leggi la rivista ⇢

  • n.5 - Maggio 2024
  • n.4 - Aprile 2024
  • n.3 - Marzo 2024

Ti potrebbero interessare ⇢

Nicoletta Buora

 

La bresciana Tiesse Robot, azienda primaria nell’automazione robotizzata dei processi industriali che opera da oltre vent’anni in partnership con Kawasaki Robotics, sta lanciando il nuovo controller supercompatto F60, progettato per equipaggiare a breve la gamma dei robot Kawasaki da 3 a 10 kg di portata.

F60 ha la prerogativa di essere più piccolo di tutti gli altri analoghi controllori oggi disponibili, con un peso di soli 12 kg, 300x320 mm e 130 mm di altezza, il che lo renderà compatibile con l’inserimento in rack da 19 pollici. Il nuovo controller, frutto delle competenze progettuali di elevata ingegneria di Tiesse Robot e destinato a diventare nuovo punto di riferimento tecnologico sul mercato, può supportare due assi esterni aggiuntivi da 1,2 Kw cadauno ed è dotato di tutti i bus di comunicazione utilizzati nel settore industriale e di unità di I/O interne in moduli da 16+16 espandibili anche esternamente, che potranno quindi essere montate in cabinet di controllo della linea tramite comunicazione seriale.

Mediante una delle due porte Usb disponibili, i robot ai quali il controllore verrà collegato potranno essere dotati di un modulo bluetooth che attiverà il collegamento a smartphone e tablet per la verifica funzionale del controllore del robot stesso. F60 potrà anche essere corredato della scheda opzionale Cubic S per il monitoraggio in sicurezza delle aree di lavoro robot, consentendo di realizzare un risparmio di oltre il 10% di consumo rispetto agli attuali controllori E70/E71. In aggiunta, è apprezzabile anche la possibilità di installare il software di visione Kawasaki direttamente nel controllore senza l’ausilio di un pc esterno.

Un controller supercompatto per la robotica avanzata - Ultima modifica: 2017-04-15T10:13:58+02:00 da Nicoletta Buora