HomeFactory AutomationRoboticaUn nuovo potente cobot si aggiunge al portfolio Universal Robots

Un nuovo potente cobot si aggiunge al portfolio Universal Robots

Leggi la rivista ⇢

  • n.10 - Novembre 2022
  • n.9 - Ottobre 2022
  • n.8 - Settembre 2022

Ti potrebbero interessare ⇢

Francesca Nebuloni

Universal Robots, l’azienda danese leader globale nel segmento della robotica collaborativa ha annunciato l’ingresso di un nuovo modello nel suo portfolio prodotti: un nuovo cobot con payload da 20 kg si affianca alla e-Series. Chiamato UR20, il cobot offre un design completamente rinnovato frutto della ricerca ingegneristica UR.

Un nuovo modo di pallettizzare

L’UR20 è la migliore dimostrazione della capacità di innovare di Universal Robots ed è caratterizzato da un design del giunto completamente nuovo che consentirà tempi di ciclo ancora più rapidi e la capacità di gestire carichi più pesanti. Il suo sbraccio di 1.750 mm è pensato per lavorare all’altezza massima dell’Europallet standard. Consente di trasformare il modo in cui le aziende imballano e pallettizzano, mentre il suo ingombro ridotto offrirà come di consueto alle aziende la possibilità di implementarlo facilmente anche in condizioni di saturazione dello spazio produttivo. Oltre alla pallettizzazione, Universal Robots prevede che l’UR20 possa venir utilizzato per la saldatura, la movimentazione dei materiali, il carico/scarico e l’asservimento macchine, nonché per soluzioni innovative create dal suo vasto ecosistema di partner.

UR20 è “Il cobot”

Il presidente dell’azienda, Kim Povlsen, afferma:”Questa non è solo una versione più grande dei nostri cobot esistenti; è la nuova definizione di cobot. UR20 è il cobot più innovativo che abbiamo prodotto ed è l’ultima evoluzione della nostra tecnologia, frutto di ben 17 anni di esperienza tecnica nel settore della robotica collaborativa. I nostri ingegneri hanno completamente riprogettato il braccio mantenendo la stessa interfaccia utente intuitiva per la quale UR è giustamente famosa. I vantaggi dell’UR20 sono significativi: offre infatti tempi ciclo più rapidi e capacità di gestire carichi più pesanti, abbinando queste capacità produttive a uno sbraccio maggiore (con un ingombro ridotto) per gestire aree di lavoro più ampie. Abbiamo anche incorporato miglioramenti software avanzati, offrendo agli utenti una capacità di controllo del movimento senza precedenti“.

Universal Robots ha lanciato il primo cobot commercialmente valido al mondo nel 2008 e da allora ha costruito un ecosistema di oltre 1.100 integratori, distributori e partner indipendenti che creano componenti, kit e applicazioni per i suoi cobot. L’azienda ha venduto più di 50.000 cobot installandoli in migliaia di aziende e ambienti produttivi diversi, e ha attinto dalle conoscenze acquisite attraverso la sua consolidata base di clienti per la progettazione di questo ultimo cobot.

Impegno continuo per i clienti

L’UR20 segna l’inizio di una nuova serie di cobot innovativi di nuova generazione, che andrà ad affiancarsi alla gamma e-Series. Kim Povlsen continua: “L’ impegno di UR per il successo di ogni cliente si riflette nello sforzo che mettiamo nella creazione dei nostri prodotti e lo sviluppo dell’UR20 ne è un perfetto esempio. L’elevato livello ingegneristico alla base di UR20 ha generato un design totalmente nuovo, dal giunto ridisegnato fino agli ultimi dettagli estetici, e un’interfaccia utente che incrementa gli aspetti di usabilità e intuitività. UR20 è solo l’inizio. Stiamo lanciando la nostra prossima generazione di cobot con questo modello ad alto payload che renderà l’automazione end-to-end una realtà per i nostri clienti, consentendo loro di utilizzare l’automazione collaborativa per gestire nuove attività. Il prossimo passo nella ridefinizione dell’automazione sarà portare le stesse caratteristiche innovative di UR20 anche nella nuova famiglia di cobot“.

Un nuovo potente cobot si aggiunge al portfolio Universal Robots - Ultima modifica: 2022-06-28T17:20:32+02:00 da Francesca Nebuloni
Un nuovo potente cobot si aggiunge al portfolio Universal Robots - Ultima modifica: 2022-06-28T17:20:32+02:00 da Francesca Nebuloni