HomeFactory AutomationRoboticaRobotica liquida? Parte il progetto Cogitor

Robotica liquida? Parte il progetto Cogitor

Leggi la rivista ⇢

  • n.7 - Luglio 2022
  • n.6 - Giugno 2022
  • n.5 - Maggio 2022

Ti potrebbero interessare ⇢

Marta Roberti

Il primo progetto di robotica liquida arriva dall’Istituto italiano di Tecnologia. Il suo nome è Cogitor, è sferico come una cellula e all’interno ha un liquido che opera come un computer di controllo.

Nuovo concetto di sistema cibernetico artificiale

Il progetto Cogitor si propone di formulare un nuovo concetto di sistema cibernetico artificiale, prendendo il nome dalla massima di Cartesio “Cogito, ergo sum” e ispirandosi alla nuova frontiera della robotica che mira a ridurre, se non annullare completamente, la rigidità del sistema.

La fonte di ispirazione è la cellula

Un sistema cibernetico è, per definizione, un sistema di regole che governano l’interazione tra un soggetto individuale e l’ambiente esterno. Come la cellula di un essere vivente è un sistema con un nucleo al centro, circondato da una membrana e riempito con una sostanza liquida e organelli che svolgono funzioni specifiche, così il sistema Cogitor sarà composto da sfere concentriche contenenti solventi arricchiti di nanoparticelle e con un chip di silicio al centro.

Una tecnologia per ambienti estremi

Adatto all’esplorazione di ambienti estremi o di altri pianeti, Cogitor è ricoperto da una pelle sensibile, simile a un touch screen, che permetterà l’interazione con l’ambiente. Per realizzare la sfera, i ricercatori mirano a sviluppare un polimero capace di autoripararsi in caso di danno. L’idea è che Cogitor sia un sistema robotico che potrà essere impiegato in futuro in ambienti come il fondo dell’oceano, luoghi con intensi campi magnetici o per esplorare i pianeti gassosi.

Il sostegno dell’Unione europea

Il progetto Cogitor, che ha una durata di quattro anni e che sarà interamente guidato dall’Istituto italiano di Tecnologia di Genova, in collaborazione con la University of the West of England, i laboratori svizzeri dell’Empa, Plasmachem di Berlino e la belga Pno, è diventato realtà grazie al sostegno dell’Unione europea, che ha messo a disposizione tre migliori e mezzo di euro.

Massimiliano Luce

Robotica liquida? Parte il progetto Cogitor
- Ultima modifica: 2021-11-29T11:06:21+01:00
da Marta Roberti
Robotica liquida? Parte il progetto Cogitor - Ultima modifica: 2021-11-29T11:06:21+01:00 da Marta Roberti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui