HomeProdottiQuectel SG560D: potenza di calcolo al servizio dell'AIoT

Quectel SG560D: potenza di calcolo al servizio dell’AIoT

Il modulo intelligente 5G Sub-6GHz Quectel SG560D è alimentato dal chipset Qualcomm QCM6490 e dotato di una CPU Qualcomm Kryo 670 costruita sulla tecnologia Cortex Arm v8 e su una GPU Qualcomm Adreno 642L.

Leggi le riviste ⇢

Ti potrebbero interessare ⇢

Massimiliano Luce

Integra la tecnologia 5G New Radio (NR), l’intelligenza artificiale (AI), una CPU e una GPU. Arriva il modulo smart SG560D di Quectel Wireless Solutions.

Il dispositivo è indirizzato a scenari applicativi complessi. In pratica ovunque sono richieste elevate velocità di trasmissione dei dati e capacità di calcolo. Per esempio l’infotainment nei veicoli, i palmari industriali, i gateway intelligenti, le telecamere industriali e i dispositivi di monitoraggio.

Quectel SG560D è indirizzato ovunque siano richieste elevate velocità di trasmissione dei dati e capacità di calcolo.

“Nell’era dell’Artificial Internet of Things, la potenza di calcolo è sempre più importante per l’intelligenza e la reattività dei dispositivi”, afferma Patrick Qian, Ceo di Quectel. “Il modulo SG560D offre le funzionalità necessarie per l’edge computing e accelera la trasformazione digitale dei dispositivi in molti settori verticali”.

I test indicano che il modulo SG560D può raggiungere prestazioni di calcolo fino a 14 trilioni di operazioni al secondo (TOPS).

Quectel SG560D integra il sistema operativo Android 12. Quindi consente i futuri aggiornamenti ad Android 13/14/15.

Il modulo SG560D si avvale di diverse interfacce: doppia USB, PCIe multipla, UART, I2S e SPI. Ciò offre agli sviluppatori OEM flessibilità e facilità di integrazione per numerose applicazioni AioT.

Gli esempi sono numerosi, dai sistemi di videoconferenza ai dispositivi di live streaming, passando per edge computing, robot, droni e AR/VR.

Quectel SG560D: potenza di calcolo al servizio dell’AIoT - Ultima modifica: 2022-07-07T08:05:47+02:00 da Massimiliano Luce
Quectel SG560D: potenza di calcolo al servizio dell’AIoT - Ultima modifica: 2022-07-07T08:05:47+02:00 da Massimiliano Luce