HomeFactory AutomationMacco adotta il robot Omron Scara i4L per aumentare produttività e flessibilità...

Macco adotta il robot Omron Scara i4L per aumentare produttività e flessibilità nei processi

Scara i4L velocizza i processi delle linee di confezionamento di prodotti cosmetici, farmaceutici e nutraceutici di Macco, aumentando la produttività.

Leggi la rivista ⇢

  • n.5 - Maggio 2024
  • n.4 - Aprile 2024
  • n.3 - Marzo 2024

Ti potrebbero interessare ⇢

Nicoletta Buora

Macco, azienda che progetta e costruisce macchine e sistemi di automazione per la preparazione e il confezionamento di prodotti cosmetici, farmaceutici e nutraceutici, ha integrato sulle proprie linee di produzione il Robot Scara i4L-550L di Omron.

Il principale vantaggio è stato quello di poter accrescere ulteriormente la produttività, combinando velocità e flessibilità, intesa come possibilità di adattare cicliche, prodotti, lotti, dimensioni e orientamenti diversi, evitando di impattare sui costi operativi.

Scara i4L-550L sostituisce l’operatore durante le più fasi ripetitive e usuranti, come l’inserimento di flaconi nei puck e dei tappi e/o pompette all’interno dei flaconi stessi, evitando anche la formazione di colli di bottiglia sulla linea di produzione.

Una linea completa robotizzata con Scara i4L-550L

Scara i4L-550L è stato integrato nel modulo Macco “IN-Line/S” all’inizio del processo produttivo della linea di riempimento e tappatura multiformato, modello “MRT-2-1/EL”.

Macco ha inoltre utilizzato una Smart Camera Omron MicroHawkF430 per il controllo formato, per il controllo presenza e per la verifica dell’orientamento, nonché per piccoli controlli di qualità sull’integrità del flacone/vasetto.

Per lo sviluppo di questa linea, Macco ha potuto contare anche sul supporto e la consulenza di specialisti Omron, i quali hanno collaborato con i tecnici di Macco fino all’avvio della macchina.

Macco adotta il robot Omron Scara i4L per aumentare produttività e flessibilità nei processi - Ultima modifica: 2023-04-20T07:00:00+02:00 da Nicoletta Buora