Bosch punta sulle reti locali 5G

Bosch ha presentato domanda per ottenere licenze operative 5G per una selezione di località tedesche. “Essendo un’azienda IoT, Bosch ha iniziato presto a eseguire attività di ricerca nel campo del 5G. Il nuovo standard di comunicazione è la chiave della guida autonoma e connessa e un elemento essenziale della fabbrica del futuro” ha dichiarato Michael Bolle, CDO e CTO del Gruppo Bosch.

Michael Bolle, , CDO e CTO del Gruppo Bosch

Una volta ottenute le licenze dalle autorità di regolamentazione, Bosch intende allestire queste reti 5G locali in collaborazione con partner selezionati nel corso del 2020, al fine di sfruttare meglio il potenziale dell’Industry 4.0. Nei prossimi mesi, Bosch condurrà test sul 5G nei suoi stabilimenti e nel campus di ricerca di Renningen, in preparazione del lancio nelle attività di produzione dell’azienda.

Reti 5G private per gli stabilimenti Bosch

Di recente, la Bundesnetzagentur (Agenzia federale tedesca preposta alla gestione delle reti) – l’autorità di regolamentazione che assegna le frequenze in Germania – ha cambiato la sua prassi, permettendo alle aziende di ottenere licenze per uso privato. Bosch potrà quindi allestire le proprie reti 5G, migliorando la sua competitività. “Le reti private offrono il massimo dellasicurezza e dell’indipendenza. Il 5G accelera i processi di produzione industriale.Con le reti 5G locali, potremo compiere un importante passo avanti verso la creazione della fabbrica del futuro” ha dichiarato Rolf Najork, il membro del Board of Management responsabile della tecnologia industriale.

In una primafase Bosch ha richiesto le licenze operative 5G per l’impianto principale per l’Industry 4.0 di Stoccarda-Feuerbach e per il campus di ricerca di Renningen. “Il lavoro pionieristico svolto da queste sedi si rifletterà positivamente su tutta la rete di produzione Bosch, con i suoi circa 280 stabilimenti in tutto il mondo” ha dichiarato Bolle.

Il 5G rivestirà un ruolo centrale nella fabbrica del futuro

“Nella nostra vision della fabbrica del futuro, gli unici elementi fissi sono i,pavimenti, i muri e i soffitti. Tutto il resto è mobile e può essere configurato a piacere” ha dichiarato Najork. Tra gli esempi figurano robot mobili, veicoli per il trasporto autonomo e nuovi sistemi di assistenza quali gli occhiali intelligenti, che offrono ai collaboratori un supporto ottimale.

Un importante requisito per questi sistemi flessibili è una potente infrastruttura wireless che permette una comunicazione efficiente tra operatori umani, macchine e altre apparecchiature. “A tale scopo serve un sistema di trasmissione dei dati affidabile, sicuro e ad alta velocità, con brevi tempi di risposta, e tutto ciò è realizzabile con il 5G” ha dichiarato Andreas Müller, che lavora per Bosch come ricercatore ed è il presidente della 5G Alliance for Connected Industries and Automation (5G-ACIA) internazionale.

Il 5G non soltanto offre un mezzo per connettere in modo efficiente dispositivi mobili e sensori wireless, ma fornisce anche la base per sistemi completamente nuovi. Per esempio, permette di controllare un robot mobile in tempo reale utilizzando i dati memorizzati in un cloud di produzione locale, riducendo i costi, aumentando la flessibilità e semplificando la manutenzione.

Inoltre ottimizza il comando delle macchine. “Entrando oggi in una fabbrica, si nota che pressoché tutte le macchine sono dotate di una console di comando con pulsante di arresto di emergenza. Per fermare la macchina è necessario che qualcuno prema quel pulsante. Con il 5G, non serve che l’operatore si trovi vicino alla macchina: l’arresto di emergenza e altre funzioni possono essere eseguiti da un dispositivo mobile. Così, il lavoro dell’operatore risulta più semplice e si riducono i costi” ha dichiarato Müller.

Il 5G migliora la sicurezza nella produzione

Le reti 5G locali eliminano la dipendenza da fornitori terzi. Allestendo e utilizzando reti wireless proprie, i produttori possono configurarle in modo da soddisfare le esigenze, spesso elevate, delle applicazioni industriali di comunicazione. Inoltre, questa soluzione offre loro il pieno controllo sugli aspetti importanti per la sicurezza.

Per esempio, se la rete pubblica è sovraccarica, le reti 5G locali permettono alla fabbrica di continuare a essere operativa senza perdere il controllo del sistema. “Le reti campus ci permettono di decidere autonomamente quale architettura e quali caratteristiche di sicurezza sono più adatte per le nostre esigenze, nonché quali attrezzature utilizzeremo per dati specifici” ha dichiarato Müller.

In questo modo si riducono i rischi aziendali e si preserva la sovranità dei dati. Per la connessione a Internet e altre reti pubbliche si utilizzano interfacce dedicate continuamente monitorate.

 La Germania in prima linea nel 5G

Per la prima volta, l’introduzione del nuovo standard 5G offre alle aziende in Germania l’opportunità di allestire e utilizzare le proprie reti cellulari locali. A tale scopo, le autorità di regolamentazione tedesche hanno tenute libere le frequenze da 3.700 a 3.800 MHz.

Queste frequenze saranno assegnate in base alla domanda, dando precedenza all’Industry 4.0 o alle applicazioni agricole e forestali. Le licenze saranno concesse per un periodo iniziale di dieci anni. Il prezzo di ciascuna licenza sarà calcolato sommando una tariffa base di 1.000 euro, la larghezza di banda assegnata (da un minimo di 10 a un massimo di 100 megahertz), la durata dell’assegnazione e la superficie allocata in chilometri quadrati (facendo distinzione tra superfici edificate e di transito e altre aree).

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here