HomeProcess AutomationSafety e CybersecurityAutomazione e intelligenza artificiale, le tecnologie per una solida cybersecurity, in una...

Automazione e intelligenza artificiale, le tecnologie per una solida cybersecurity, in una ricerca Reply

La cybersecurity rappresenta una priorità assoluta. Perciò è necessario sviluppare soluzioni automatizzate e basate sull’intelligenza artificiale (AI) per combattere il crescente numero di minacce

Leggi la rivista ⇢

  • n.304 - Luglio 2022
  • n.303 - Giugno 2022
  • n.302 - Maggio 2022

Ti potrebbero interessare ⇢

Nicoletta Buora

Gli attacchi cyber ad aziende, istituzioni e cittadini sono in continua e costante crescita. La cybersecurity rappresenta perciò una priorità assoluta e contestuale all’implementazione delle nuove tecnologie.

L’evoluzione non si fermerà e in parallelo sarà necessario sviluppare soluzioni automatizzate e basate sull’intelligenza artificiale (AI) per combattere il crescente numero di minacce alla sicurezza.

E’ quanto emerge dalla nuova ricerca “Cybersecurity Automation” realizzata da Reply -grazie alla piattaforma proprietaria Sonar e con il supporto di Pac (Teknowlogy Group) per misurare i mercati e proiettarne la crescita – che evidenzia che i rischi di attacchi sono riconducibili a fattori quali network digitali sempre più complessi e diffusi e una crescente sensibilità al tema data privacy.

L’hyperautomation per la cybersecurity

L’adozione di tecniche di hyperautomation fa sì che l’intelligenza artificiale e il machine learning rappresentino delle opportunità risolutive. Tecniche che devono essere applicate in ogni fase della protezione, dal software alle infrastrutture, dai dispositivi, al cloud computing.  

Secondo la ricerca Reply, dei 300 miliardi di euro di investimenti che il mercato globale della cybersecurity esprimerà nei prossimi 5 anni, una parte rilevante verrà orientata verso misure di sicurezza automatizzate per migliorare i tempi di rilevamento e risposta alle minacce su quattro differenti segmenti: Application security, Endpoint security, Data security and protection, Internet of Things security

In particolare, la ricerca ha stimato i principali trend di mercato nell’automazione dei sistemi di sicurezza in base ad analisi di studi di settore, incrociata con evidenze raccolte presso i clienti Reply. I dati mettono a confronto due diversi cluster di Paesi: gli “Europe-5” (Italia, Germania, Francia, Paesi Bassi, Belgio) e i “Big-5” (USA, Regno Unito, Brasile, Cina, India) al fine di comprendere come le nuove soluzioni AI vengano implementate nel panorama in costante evoluzione della cybersecurity.

Application Security

I programmatori che si concentrano sullo sviluppo delle applicazioni dopo aver introdotto negli ultimi anni il concetto di “security by design”, ovvero un approccio alla sicurezza contestuale alla progettazione della tecnologia, ora si stanno orientando su una collaborazione serrata con i team operations e security per formare DevSecOps, un modello che pone l’accento sull’integrazione delle misure di sicurezza durante l’intero ciclo di vita dello sviluppo delle applicazioni.

Automatizzare i test in ogni fase è fondamentale per diminuire il numero di vulnerabilità in un’applicazione, e molti strumenti di test e analisi stanno integrando ulteriormente l’intelligenza artificiale per aumentare la loro precisione o capacità. Gli investimenti nell’automazione della sicurezza delle applicazioni nel mercato Europe-5 dovrebbero avere un’incredibile crescita, circa sette volte il valore attuale, raggiungendo 669 milioni di euro entro il 2026. Una crescita simile è prevista nel mercato Big-5, con investimenti che saliranno a 3,5 miliardi di euro.

Endpoint security

Gli endpoint come desktop, laptop, smartphone e server rappresentano elementi sensibili perché possibili fonti di ingresso per cyber-attacchi se non protetti adeguatamente. Negli ultimi anni il numero medio di endpoint all’interno di un’azienda è nettamente aumentato, per cui diventa essenziale per la sopravvivenza delle stesse individuare e adottare strumenti di protezione efficienti e completi. Endpoint detection and response (EDR) ed Extended detection and response (XDR) sono entrambi tool nati per accelerare la risposta a problemi di sicurezza emergenti, delegando lavori ripetitivi e monotoni a software in grado di gestirli in modo più efficiente.

Si stima che gli investimenti in questi strumenti aumenteranno sia nel mercato Europe-5 che in quello Big-5 nei prossimi anni, raggiungendo rispettivamente 757 milioni di euro e 3,65 miliardi di euro. Esistono inoltre una moltitudine di tool e sistemi dedicati all’incident management che possono essere integrati a livello entreprise. Per esempio, nelle piattaforme di Security Orchestration Automation and Response (SOAR), l’AI può essere introdotta in aree chiave, dalla gestione delle minacce alla risposta agli incidenti.

Data security and protection

Le minacce alla sicurezza dei dati, cosiddette data breach, possono provocare ingenti danni aziendali, con rischiose complicazioni legali e di brand reputation. Garantire che i dati siano ben conservati e archiviati è una sfida sempre più importante. È facile immaginare quante diverse minacce alla sicurezza derivino da una cattiva manipolazione dei dati, da cyber-attacchi, da dipendenti infedeli o anche solo da utenti inesperti con la tecnologia. L’intelligenza artificiale diventa lo strumento di semplificazione delle procedure di sicurezza dei dati, dalla discovery alla classificazione fino alla correzione.

L’automazione della sicurezza si stima possa ridurre il costo di una data breach, giocando peraltro una parte importante anche nelle fasi successive l’attacco informatico con gli strumenti di prevenzione della perdita di dati (DLP), la crittografia e la tokenizzazione. Nel tentativo di proteggere meglio la sicurezza dei sistemi e la privacy dei dati, si prevede che le aziende del cluster Europe-5 investiranno circa 915 milioni di euro nell’automazione della sicurezza dei dati entro il 2026. Il mercato Big-5 quadruplicherà il valore per raggiungere i 4,4 miliardi di euro nello stesso arco di tempo.

Internet of Things security

La natura interconnessa di IoT consente a ogni singolo dispositivo della rete di essere un potenziale punto debole e una singola vulnerabilità potrebbe essere sufficiente a travolgere un’intera infrastruttura. Entro il 2026 si stima che sulla terra ci saranno 80 miliardi di dispositivi collegati in rete. L’impressionante gamma di capacità offerte dai dispositivi IoT destinati a diverse industry, abilitando smart factory, smart logistics o smart speaker, impedisce la creazione di una soluzione standardizzata per la cybersecurity dell’IoT.

A mano a mano che le reti IoT raggiungono campi che vanno dall’assistenza sanitaria all’automotive, i rischi si moltiplicano, pertanto, la sicurezza IoT è una delle sfide più difficili: il confine tra IT e OT (Operational Technology) dovrà essere superato affinché l’IoT possa liberare il suo pieno valore aziendale. Intanto si stima che il mercato dell’automazione della sicurezza IoT supererà la soglia di 1 miliardo di euro nel cluster Europe-5 entro il 2026. Nel mercato Big-5, gli investimenti raggiungeranno l’enorme cifra di 4,6 miliardi di euro.

Automazione e intelligenza artificiale, le tecnologie per una solida cybersecurity, in una ricerca Reply - Ultima modifica: 2022-06-01T06:03:00+02:00 da Nicoletta Buora
Automazione e intelligenza artificiale, le tecnologie per una solida cybersecurity, in una ricerca Reply - Ultima modifica: 2022-06-01T06:03:00+02:00 da Nicoletta Buora