Universal Robots presenta la Carta delle Idee della robotica collaborativa

Dodici dei più grandi esperti di robotica e automazione italiani, dodici idee per un uso evoluto, e sostenibile, della robotica collaborativa al servizio del nostro Paese: questa, in estrema sintesi, è la Carta delle Idee della robotica collaborativa, il manifesto che Universal Robots ha redatto con il contributo essenziale degli ospiti che hanno partecipato alla prima edizione degli Stati Generali della Robotica Collaborativa lo scorso 26 novembre e che presenterà il prossimo mercoledì 14 aprile alle ore 11 attraverso un evento online aperto a media e professionisti.

«Questa Carta è il contributo che Universal Robots offre al sistema Paese – commenta Alessio Cocchi, country manager Italia dell’azienda danese – per supportarne l’evoluzione e la crescita, andando a incidere su diversi ambiti: dalla manifattura alla scuola, dalla contrattazione collettiva alla ricerca scientifica. Credo che la forza maggiore di questo documento “multi stakeholder” sia proprio nella genesi corale, nel fatto che capitalizzi sul fondamentale contributo di 12 dei maggiori esperti italiani in questo campo, fra cui tre delle maggiori aziende».

Ideatori e utilizzatori

Il documento raccoglie il contributo di Domenico Appendino (presidente della SIRI – Società Italia di Robotica Industriale), Francesco Messano (sindacalista della UILM), Bruno Siciliano (docente di robotica presso l’Università di Napoli Federico II e coordinatore del gruppo di lavoro ministeriale sulla robotica all’interno del Piano Nazionale della Ricerca), Antonio Bicchi (docente dell’Università di Pisa e dell’IIT), Andrea Zanchettin (docente di robotica presso il Politecnico di Milano), Lorna Vatta (direttrice esecutiva del centro Artes 4.0), Salvatore Basile (Operation Manager di Experis Italia, branch del gruppo Manpower), Pierpaolo Ruttico (ricercatore del Politecnico di Milano e founder di IndexLAB) e Alessandro Tassinari (digital expert della fondazione FEM- Future Education Modena).

La Carta include infine il contributo di chi usa la robotica collaborativa quotidianamente, sperimentandone i vantaggi in produzione: Simone Pala (Pirelli), Fabio Federici (Ferrero) e Alessio Papucci (Vitesco Technologies Italy).

«La presentazione della Carta – prosegue Cocchi – sarà l’occasione anche per dare avvio al percorso che ci porterà, nei prossimi mesi, “a dare gambe” alle idee che la compongono. Stiamo infatti organizzando diversi appuntamenti che andranno ad approfondire ogni specifica idea per comprenderne, individuando i corretti soggetti da coinvolgere, come trasformarla in realtà. La presentazione, quindi, è un punto di partenza, che auspichiamo animi il dibattito intorno alla robotica collaborativa e al contributo che può dare, in maniera polivalente, in moltissimi ambiti».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here