Realizzare la convergenza IT-OT: Rockwell acquisisce Plex Systems e Fiix

Per conto di Rockwell Automation, Mike Bacidore di Control Design riassume i contenuti del keynote speech di Blake Moret nel quale il CEO illustra la strategia che ha portato l’azienda ad acquisire Fiix e Plex Systems.

Nel corso dell’ultimo anno, i cambiamenti operativi nell’ambito della produttività e della flessibilità sono diventati due delle più grandi sfide dei produttori. Al fine di soddisfare queste sfide, Rockwell Automation ha continuato ad evolvere le proprie tecnologie. Inoltre, le acquisizioni chiave di Plex Systems e Fiix ne hanno potenziato e ampliato le offerte allo scopo di aiutare le aziende a realizzare la convergenza tra la tecnologia IT e quella operativa (OT).

“Assistiamo a un crescente bisogno di migliorare la produzione e il grado di conformità”. Il presidente e CEO di Rockwell Automation, Blake Moret, ha spiegato come le recenti acquisizioni di Plex Systems e Fiix hanno ampliato le offerte del portafoglio per colmare il divario tra dati IT e OT”

Migliorare la produzione e il grado di conformità

“Assistiamo a un crescente bisogno di migliorare la produzione e il grado di conformità”, ha dichiarato Blake Moret, presidente e CEO di Rockwell Automation il 29 giugno durante il discorso di apertura del ROKLive 2021, la conferenza virtuale dell’azienda dedicata all’attuale esplosione della tecnologia digitale in ambito produttivo. “Le aziende stanno cercando di aggiornare le loro soluzioni passando a un moderno sistema di gestione della produzione basato sul cloud”, ha dichiarato Moret. “La piattaforma Plex è progettata per accelerare la trasformazione digitale ed è perfettamente allineata con l’offerta FactoryTalk di Rockwell Automation. Nessuno è dotato di mezzi migliori per integrare IT e OT”.

Rockwell Automation sta integrando IT e OT per portare i benefici della Connected Enterprise al sistema produttivo, ha spiegato Tessa Myers, vicepresidente e direttore generale di soluzioni per la gestione della produzione e delle operazioni in Rockwell Automation. “I nostri controllori e dispositivi intelligenti costituiscono le fondamenta di questi sistemi”, ha dichiarato. “Prosperiamo in ambienti ricchi di dati”.

Le app su cloud lasciano presagire un time to value più rapido

L’acquisizione da 2,22 miliardi di dollari di Plex Systems arricchisce il portafoglio di Rockwell Automation di capacità MES intelligenti e cloud-native. Plex offre una piattaforma di produzione single instance, SaaS, multi-tenant, che opera su larga scala e comprende un avanzato sistema di gestione della produzione, della qualità e capacità di gestione della supply chain. Plex ha più di 700 clienti e gestisce oltre 8 miliardi di transazioni al giorno. Le sue capacità software saranno ulteriormente differenziate mediate l’accesso al mercato globale di Rockwell, alle competenze complementari di settore e alla capacità di trasformare i dati in tempo reale in informazioni fruibili.

“Questa acquisizione accelererà la nostra strategia di creazione della Connected Enterprise con un time to value più rapido per i nostri clienti in un momento in cui si apprestano ad adottare con maggiore frequenza soluzioni in cloud al fine di migliorare la resilienza, l’agilità e la sostenibilità delle loro attività”, ha aggiunto Moret. “La combinazione dell’innovativa tecnologia di Plex con l’attuale portafoglio di software e le competenze di settore di Rockwell creeranno ancora più valore per i clienti e ulteriori possibilità di successo. L’acquisizione accelererà anche la crescita del nostro fatturato di software e rafforzerà i nostri flussi di fatturato ricorrente annuale”.

Piattaforma di Plex Systems

La piattaforma di Plex è progettata per aiutare i clienti a collegarsi, automatizzare, tracciare e analizzare le loro attività e le catene di fornitura collegate che potrebbero soddisfare le esigenze dei produttori di aumentare la produzione e migliorare il grado di resilienza e, al tempo stesso, aumentare l’efficienza e la conformità. “Plex è stata sempre più di una semplice azienda”, ha dichiarato Bill Berutti, CEO di Plex Systems. “Siamo stati i leader della transizione verso una produzione intelligente e un partner fidato per più di 700 aziende di produzione in tutto il mondo. L’unione con Rockwell è preziosa per i nostri clienti, i nostri partner e i nostri dipendenti, in un momento in cui ci apprestiamo ad espandere ulteriormente il nostro raggio di azione, avere un impatto e accelerare la nostra missione di portare la produzione sul cloud”.

Plex entrerà a far parte del segmento operativo Software & Control di Rockwell che fornisce le principali offerte di hardware e software per il design, le operazioni, la manutenzione dell’automazione della produzione e dei sistemi di gestione.

“Quando i clienti mettono insieme le informazioni relative al piano di produzione, percepiscono grandi miglioramenti nella qualità”, ha dichiarato Berutti, osservando un turno di inventario più rapido dell’80% e il 18% di livelli più elevati di produzione in uscita. “Il valore rappresentato dal posizionamento di Rockwell nella linea di produzione rappresenta una grande fonte di quel valore stesso. Plex permette ai nostri clienti di prendere decisioni in tempo reale. Con Rockwell, riusciremo ad andare al massimo”.

Collaborazione con tre aziende

Rockwell Automation e Plex stanno già collaborando con tre aziende per portare i loro dati a un livello superiore.

  • Southwire è un produttore globale con un contesto rappresentato da isole d’automazione e  sistemi disparati. L’implementazione di una rete OT e la contestualizzazione  dei dati con il supporto di FactoryTalk Edge Gateway, ha permesso a Southwire di implementare gli adeguati indicatori di performance chiave (KPI) in una vera soluzione cloud di tipo edge mettendo a disposizione le informazioni giuste alla persona giusta e al momento giusto.
  • Norbord produce pannelli a base di legno (OSB) e altri materiali per falegnameria. Norbord aveva la necessità di un modello predittivo. Tuttavia, l’analitica industriale richiede dati fruibili in tempo reali. Il suo approccio analitico è stato personalizzato per migliorare il tempo di disponibilità delle macchine (uptime) e ridurre gli scarti.
  • Fonterra, un produttore globale di latticini, ha implementato una soluzione combinata di analitics edge e cloud di Rockwell Automation e Microsoft in 10 siti al fine di ottenere calcoli di OEE (efficienza globale delle apparecchiature) che i dipendenti a diversi livelli possono utilizzare al fine di poter prendere le decisioni migliori.

“Ci sono opportunità a livello di dispositivi, di controllo, di edge o del cloud”, ha spiegato Myers. “FactoryTalk Hub è la new entry nel nostro portafoglio. Gli strumenti e le applicazioni consentono agli sviluppatori di portare i loro progetti sul mercato e di dare la possibilità a operatori e manager di apportare miglioramenti operativi. Plex si combina a FactoryTalk Hub per le attività di tracciamento e analisi. Le nostre innovative soluzioni software vi aiuteranno a lavorare meglio giorno dopo giorno”.

Sistema di gestione della produzione su cloud + CMMS

Grazie alle avanzate capacità di gestione e manutenzione delle risorse derivanti dalla recente acquisizione di Fiix, un fornitore di sistemi di gestione della manutenzione basati su cloud, Rockwell Automation vanta un portafoglio in espansione di soluzioni cloud native finalizzato alla soddisfazione delle esigenze di produzione dei clienti.

“Fiix aiuta le squadre della manutenzione a programmare, organizzare e tracciare la manutenzione delle apparecchiature”, ha spiegato James Novak, CEO di Fiix. “Far evolvere il programma di manutenzione è diventata la nostra missione oltre all’innovazione. Nel mondo post Covid, il lavoro dei nostri clienti è diventato ancora più difficile. Parliamo di trasformazione digitale in ambito manutenzione, dai guasti al modello preventivo fino a quello basato sulle condizioni per poi passare a quello predittivo. Si tratta di un percorso basato sul grado di maturazione dei dati. Quando ci si addentra nel modello di manutenzione determinato dalle condizioni e in quello predittivo, veniamo a contatto con i dati”.

Tre fasi

Novak ha menzionato un processo che consta di tre fasi individuato da Fiix per agevolare l’implementazione.

  1. Facilità di distribuzione, gestione e scalabilità: “È estremamente facile da attuare”, ha dichiarato Novak. “Gli aggiornamenti del software vengono eseguiti senza interruzioni. Il software su cloud è configurato come un abbonamento. La parte più importante consiste proprio nell’abbonamento. Siamo fondamentalmente connessi lungo questo percorso”.
  2. Facilità d’uso: “Farsi un’idea a partire dai dati è difficile per le persone che non usano il sistema in modo appropriato o completo”, ha avvertito Novak. “La facilità d’uso è fondamentale. La forza lavoro mobile sta diventando sempre più importante. I tecnici non impiegano più tanto del loro tempo in servizi di back office ma sono sul campo. Non ci si vuole ritrovare in una situazione in cui le informazioni vengono caricate solo a fine giornata. Si vuole dare al team un sistema che sia in grado di funzionare. I clienti utilizzano Fiix insieme a SAP Plant Maintenance (PM)”.
  3. Connettività facile: “Il nostro hub per l’integrazione permette di collegarsi a sistemi aziendali o raccogliere dati provenienti da sensori in modo da garantire i KPI in tutta l’azienda. Riusciamo a collegare Fiix a qualsiasi cosa in pochi giorni e non settimane. Abbiamo lavorato con un’azienda di imballaggio che ha fatto un’implementazione in remoto durante la pandemia di COVID-19”.

Le presentazioni del discorso di apertura di ROKLive sintetizzate in questo rapporto restano disponibili su richiesta per tutto il mese di ottobre 2021.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here