Oscar Lapp, un pioniere delle tecnologie di connessione

Oskar Lapp è stato un grande inventore e imprenditore che ha influenzato il settore delle tecnologie di connessione in tutto il mondo creando, insieme alla moglie Ursula Ida Lap. Il 20 marzo 2021, il fondatore del Gruppo Lapp avrebbe spento 100 candeline.

“Ancora oggi nostro padre è considerato un modello di riferimento. Senza Oskar Lapp il Gruppo non esisterebbe. Continuiamo ogni giorno ad onorare il suo lavoro, di tutta una vita, con la più profonda gratitudine. Sarebbe stato molto orgoglioso che l’Azienda ora sia guidata dalla terza generazione”, dichiara Andreas Lapp, Presidente di Lapp Holding AG.

Una lunga storia di successi

Oscar Lapp

“Mio marito era un uomo coraggioso ed estremamente talentuoso”, afferma Ursula Ida Lapp, oggi novantenne, in merito a suo marito, scomparso il 25 aprile 1987. Oskar Lapp, nato nel 1921 a Benshausen, in Germania, è uno dei quattro figli di una famiglia di artigiani. Già da bambino dimostra spirito d’inventiva  e una spiccata attitudine per l’ambito tecnico.

Dopo l’esperienza come prigioniero di guerra e la fuga dall’allora Repubblica Democratica Tedesca attraverso la “Frontiera Verde”, nella metà degli anni Cinquanta ricomincia una nuova vita con la sua famiglia nella Germania dell’Ovest.

L’intuizione di realizzare un cavo flessibile con conduttori colorati

Lavora inizialmente in qualità di Responsabile della Germania meridionale presso Harting ed è qui che le sue idee innovative attirano l’attenzione: per Harting crea, ad esempio, il suo primo connettore rettangolare industriale. In virtù dei frequenti incontri con i clienti, Oskar Lapp conosce perfettamente le esigenze di mercato, in particolare delle connessioni elettriche che risultavano sempre molto laboriose: i conduttori, infatti, erano tutti neri o grigi e gli ingegneri avevano difficoltà nella corretta assegnazione. Ciò implicava un processo complesso per identificare i conduttori, noto come test di continuità.

Oskar Lapp ha dunque l’intuizione di realizzare un cavo flessibile con conduttori colorati: nasce così Ölflex, il primo cavo di controllo e comando fabbricato industrialmente e altamente resistente all’olio, che ha rivoluzionato il settore delle tecnologie di connessione, stabilendo standard qualitativi ancora validi in tutto il mondo.

Nel 1959, Oskar e Ursula Ida Lapp fondano l’azienda grazie ad un prestito bancario di 50mila marchi. Come per molte startup moderne, l’attività imprenditoriale inizia dal garage della loro casa a Stoccarda: Oskar gestisce le vendite mentre Ursula si occupa di contabilità, ordini, logistica e, allo stesso tempo, anche dei figli piccoli. Nel 1963, la famiglia inaugura la prima vera e propria fabbrica per la produzione dei cavi Ölflex e, nel 1976, apre unasocietà controllata internazionale negli Stati Uniti, un passo allora insolito per le realtà a conduzione familiare.

L’azienda si espande sempre guidata dai Lapp

Dopo la scomparsa di Oskar Lapp nel 1987, Ursula Ida Lapp e i due figli Siegbert e Andreas Lapp assumono la direzione e, sotto l’egida di quest’ultimi, l’Azienda conosce un’ulteriore espansione internazionale e specializzazione sui prodotti. Più recentemente, anche due nipoti hanno assunto incarichi all’interno del Gruppo: Matthias Lapp ricopre il ruolo di CEO per l’area Emea e il Sud America e Alexander Lapp è Responsabile della digitalizzazione e dell’e-business. Oggi, LAPP conta oltre 4.500 dipendenti in tutto il mondo, 20 siti produttivi e oltre 40 filiali commerciali. Collabora, inoltre, con circa 100 rappresentanti internazionali.

In memoria di Oskar Lapp, la famiglia ha istituito nel 1992 la Oskar Lapp-Foundation che supporta i giovani impegnati nella ricerca cardiovascolare, a cui la fondazione assegna ogni anno l’Oskar Lapp Research Prize e, ogni due, l’Oskar Lapp Grant, un contributo per l’acquisto di attrezzature.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here