Un esercito verde per la gestione delle colture agrarie

0
499

Un robot terrestre per combattere le piante infestanti. È questa l’ultima frontiera su cui sta lavorando il Dipartimento di Agronomia e Gestione dell’Agroecosistema dell’Università di Pisa nell’ambito del progetto europeo Rhea (Robot fleets for Higly Effective Agriculture and forestry management). «Il progetto quadriennale Rhea – spiega Andrea Peruzzi professore di Meccanica agraria dell’Ateneo pisano – è partito nel 2010 e punta alla realizzazione di una flotta di robot per la gestione sostenibile e mirata delle colture agrarie con l’obiettivo di ridurre del 75% l’uso dei fitofarmaci chimici di sintesi rispetto alla situazione attuale». Dunque una sorta di “esercito verde”, unico nel suo genere, che sarà composto da unità aeree e terrestri che dovranno operare in stretto contatto scambiandosi dati e informazioni. Ci sono i robot aerei, dei “droni” volanti a quattro eliche, indispensabili per le prime ricognizioni. Di forma circolare, possono portare un carico di 2 kg, e sono dotati di GPS e di fotocamera. Il loro compito è di acquisire alcune informazioni di base, come per esempio localizzare le aree in cui le malerbe sono più concentrate, per pianificare poi le azioni delle unità che operano sul suolo. A quel punto entreranno in azione tre tipologie di robot terrestri destinati a operare in altrettanti scenari: il diserbo chimico del frumento, il diserbo non chimico del mais e la distribuzione di insetticidi su olivo. Anche queste macchine saranno equipaggiate con GPS e fotocamere per valutare il grado di copertura delle infestanti e distinguere le malerbe dalle colture così da effettuare interventi “mirati” ed efficienti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here