Tra tradizione e modernità

0
455

immagine_2Dal 22 febbraio al 7 marzo la piccola auto della igus, equipaggiata con cuscinetti in tecnopolimero, ha viaggiato lungo l’Italia. Quasi 3.000km sono stati percorsi da nord a sud lungo il nostro paese toccando le principali città. La prima tappa è stata Venezia, purtroppo sotto la pioggia, poi Verona, Mantova e Bologna. Andando verso sud una tappa obbligata è stata Roma, certamente la città italiana più conosciuta al mondo. Giusto un giorno e poi di nuovo in strada tornando verso nord. Firenze, Alba, Torino e infine Milano dove l’auto è stata portata allo stand igus alla fiera 3D Print Hub. «È incredibile» racconta Karl Weinmeister che ha guidato l’auto in questo tour, «come in Italia ci siano così tante attrazioni. Ovunque ci si sposta c’è un monumento, un resto storico, un borgo antico, un paesaggio. Questo vale sicuramente per Roma, ma anche per tutti gli altri posti che ho incontrato. Il tempo in Italia purtroppo è stato troppo breve, diciamo che è stato solo un assaggio, sicuramente personalmente ci tornerò.» Il tour ha portato l’auto non solo in giro per le numerose bellezze e località turistiche del nostro paese, ma ha visitato anche i distretti industriali e alcuni clienti. «Sono rimasto stupito dall’accoglienza ricevuta» continua Karl, «aziende automotive ma non solo si sono interessate alla nostra piccola auto e a questo curioso e impegnativo test, con cui igus vuole mostrare il potenziale e le capacità dei suoi materiali plastici per le applicazioni in movimento.» Per ogni chilometro percorso dalla vettura in Italia, igus ha donato un euro a favore dell’associazione «Il Grappolo» di Robbiate, una rete di 130 volontari che si occupa ogni giorno del trasporto di persone anziane ai luoghi di cura e riabilitazione e dell’accompagnamento di ragazzi disabili alle scuole speciali e sui posti di lavoro. «Se dovessi descrivere in tre parole questo giro dell’Italia, direi: tradizione, per le bellezze visitate, modernità, per le innovative aziende incontrate e solidarietà, per l’attenzione della igus al volontariato e al proprio territorio» conclude Karl.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here