Secondo ANIE, l’Italia è pronta alla sfida della digitalizzazione

0
445

shutterstock_221677747-760x453L’Industria Elettrotecnica ed Elettronica del nostro Paese ha avuto un andamento contrastante, tra rallentamento e ripresa, è stato detto nell’Assemblea Anie 2016 svoltasi a giugno a Milano, con il 2015 che ha registrato un rallentamento della crescita delle economie emergenti, ma un rafforzamento della ripresa negli Stati Uniti e nell’Unione Europea, due importanti mercati di sbocco per le esportazioni delle aziende parte di ANIE, e al riguardo è stato ricordato un incremento annuo del 3,4%, senza tralasciare però l’emergere di possibili incognite legate a un peggioramento dello scenario internazionale e a una ripresa della nostra economia che ap
pare più lenta e meno dinamica di quanto previsto. Non poteva mancare un riferimento all’internet delle cose e ai Big Data, due fronti di sviluppo che, almeno potenzialmente, aprono la strada a innumerevoli servizi a valore aggiunto inquadrabili nel più generale contesto della digitalizzazione dei processi, e di questa trasformazione i settori presenti in ANIE sono senz’altro protagonisti dato che il cambiamento passa dalle tecnologie che la federazione rappresenta. Altro tema fondamentale e di enorme potenziale è quello della sicurezza, riferito però ad ambiti non direttamente integrati nell’automazione industriale, quali videosorveglianza, controllo accessi e allarme. Più in generale, sono stati evidenziati dati particolarmente positivi per Automazione industriale manufatturiera e di processo, e Sicurezza e Automazione edifici, che hanno mantenuto un segno più positivo del fatturato totale, pari rispettivamente a + 7,1% e a + 4,5%. Nel corso del dibattito si è fatto riferimento ai dati come ai “giacimenti petroliferi del terzo millennio”, alla necessità di imparare a trattarli nel rispetto della privacy e a sfruttarli, e anche alle infrastrutture di rete, elemento imprescindibile per far fronte alla maggiore domanda di connettività, il vero sistema nervoso su cui si fondano e si fonderanno sempre più la società e l’industria del futuro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here