SafetyEYE: la protezione tridimensionale perfetta

0
429

SafetyEYE di Pilz è il primo sistema di visione di sicurezza in grado di supervisionare e controllare ambienti industriali garantendo la protezione di uomini e macchine, e sorvegliare e controllare oggetti di valore, accessi e integrità. SafetyEYE è costituito da diversi componenti che integrati garantiscono la sicurezza funzionale nell’applicazione: un’unità sensoriale, un’unità di elaborazione dati e un PLC di sicurezza. L’unità sensoriale è composta da tre telecamere ad elevata dinamica che acquisiscono le immagini dell’ambiente da proteggere in gradazioni di grigio. Le informazioni vengono veicolate attraverso una connessione in fibra ottica all’unità di elaborazione. Il processo di elaborazione delle immagini viene svolto da un’architettura a microprocessore ridondante che interpreta i dati acquisiti e li confronta con quelli impostati dall’utente per stabilire se, ad esempio, lo spazio da proteggere è stato violato. I risultati dell’elaborazione delle immagini vengono trasmessi al PLC di sicurezza PSS che funge, con i suoi ingressi e le sue uscite, da interfaccia per il comando delle macchine. Se l’unità di elaborazione segnala una violazione dello spazio da proteggere, le uscite configurabili vengono disattivate e i movimenti pericolosi arrestati. La funzione di diagnostica integrata riduce al minimo i tempi di fermo macchina in caso di violazione della zona da proteggere. Messaggi chiari informano l’operatore di eventuali anomalie e riportano le istruzioni necessarie per la loro eliminazione: in questo modo la produzione si può riavviare rapidamente. Le zone sottoposte ad allarme e quelle da proteggere si possono raggruppare in strutture spaziali complesse facilmente configurabili sia attraverso forme di disegno precostruite che con l’utilizzo dello strumento di disegno a mano libera rapidamente dal PC. Inoltre il software offre la possibilità di visualizzare “live” lo spazio monitorabile anche in 3 dimensioni per offrire una maggiore facilità di configurazione delle zone. In tutte le situazioni in cui è richiesta una stretta interazione fra uomo e macchina, nel caso siano necessarie differenti strutture spaziali per diverse modalità operative di una macchina, le zone configurate possono essere commutate dinamicamente nel corso del ciclo operativo di lavoro mediante segnali digitali provenienti dal sistema bus di sicurezza SafetyBUS p o tramite gli ingressi digitali del PLC di sicurezza. SafetyEYE si rivela uno strumento flessibile perché gli spazi da proteggere, una volta definiti, si possono adattare semplicemente con il mouse nel configuratore SafetyEYE. Il controllo degli spazi da proteggere non si orienta più alle necessità tecniche ma alle esigenze dei cicli di lavorazione degli utenti che in questo modo possono essere strutturati con estrema flessibilità realizzando postazioni di lavoro più ergonomiche. SafetyEYE contribuisce a ridurre i fermi macchina: una violazione della zona da proteggere non comporta automaticamente un arresto di emergenza. Se un addetto oltrepassa lo spazio virtuale di allarme monitorato, il sistema di controllo provvede a lasciare lavorare il macchinario ad una velocità ridotta. Se l’addetto dopo aver percepito l’allarme mediante un segnale di avvertimento acustico o luminoso retrocede, il macchinario riprende a lavorare a velocità nominale. Solo nel caso in cui l’addetto entri direttamente nella zona pericolosa, ha luogo l’arresto di emergenza. Ciò rappresenta un chiaro vantaggio rispetto ai dispositivi di protezione convenzionali che attivano sempre immediatamente un arresto in caso di pericolo.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here