Robotica, i numeri del futuro

0
277

Da qui al 2030 il mercato del lavoro globale verrà totalmente stravolto. Cambierà pelle perché avrà preso il sopravvento la cosiddetta “rivoluzione tecnologica”. Un cambiamento traumatico che ovviamente lascerà vittime per strada. La rivoluzione tecnologica, secondo gli studiosi, avrà ricadute sull’occupazione: secondo la Forrester Research l’uso massiccio di robot porterà nei soli Usa alla perdita netta di ben 9,1 milioni di posti di lavoro nei prossimi 10 anni. Nello studio vengono compresi non solo i robot in senso stretto, ma pure app e software.  I possibili scenari della robotizzazione possono essere due, un early scenario, cioè un’adozione rapida di tali tecnologie, e un late scenario, più a lungo termine. Ma in entrambi i casi si parte dall’assunto che con l’automazione la produttività mondiale crescerà nel prossimo cinquantennio fra lo 0,8% e l’1,4% (dati relativi, rispettivamente, al late e all’early scenario). Le percentuali che riguardano il nostro Paese coinvolgerebbero (sempre nello stesso lasso di tempo) fra il 49 e il 51% dei lavoratori, cioè 11 milioni di persone. Da notare che solo il 5% dei lavori potrà essere completamente automatizzato, ma l’automazione avrà un impatto di circa il 30% sul 60% delle mansioni lavorative.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here