La Cina punta sui robot per tornare a crescere

0
484
cinaIl mercato della robotica in Cina è caratterizzato da un elevato tasso di crescita e attualmente offre opportunità importanti non solo per società cinesi ma anche per investitori e aziende europee operanti nel settore. Questi numeri sono destinati a crescere molto velocemente arrivando a circa 400 mila unità in operazione entro il 2017 solo in Cina surclassando l’occidente. La Cina ha una densità di robot per ogni 10.000 lavoratori di solo 30 unità, mentre in Germania e Giappone questa densità è di circa 10 volte maggiore e quindi si presenta un forte potenziale di espansione. Visti da molti come elemento chiave di una nuova “rivoluzione industriale”, i robot stanno trasformando le tecniche di produzione, soprattutto nelle industrie high-end. L’introduzione di robot, infatti, diventa fondamentale soprattutto nelle aziende cinesi che richiedono (più di altre) processi di produzione più sofisticati. Le recenti turbolenze finanziarie e politiche non stanno minimamente intaccando questi programmi, anzi, il prossimo piano quinquennale darà molto spazio al settore, considerato strategico, e ci saranno sviluppi che potremmo definire esponenziali. La combinazione di diversi fattori come l’introduzione massiccia di tecnologie robotiche a tutti i livelli, quindi non solo nell’industria, ma anche nella sanità, nell’educazione, nei servizi, e lo svilupparsi dell’e-commerce a livelli non immaginabili in occidente, faranno della Cina probabilmente il paese più avanzato nel settore e che dovremmo imparare a inseguire, come lo è stato la Gran Bretagna ai tempi della rivoluzione industriale, fino all’adozione dei computer nella nostra vita quotidiana avviata negli Stati Uniti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here