I profili, il carisma e la creazione di supercar

0
394

Ispirandosi ai protagonisti del Rinascimento italiano, il leggendario designer di automobili Horacio Pagani crea le supercar più esclusive del mondo da una magistrale fusione di artigianato manuale e tecnologia.

Horacio Pagani, designer di origine argentina, è salito ai vertici del settore delle supercar facendosi un nome grazie all’impiego di materiali compositi avanzati. In Lamborghini ha lavorato alla progettazione di vari modelli famosi prima di fondare Modena Design e iniziare a lavorare al sogno della sua vita: la Pagani Zonda. Tra il 1999 e il 2011 sono state create e costruite 206 variazioni della Zonda. Nel 2011 Pagani ha annunciato la nuova Huayra. Si tratta di una sbalorditiva creazione tutta curve che per molti è la realizzazione del sogno di Pagani: creare l’auto più bella del mondo.
Pur restando fedele al suo impegno verso il Rinascimento e l’artigianato manuale, in fatto di metrologia Pagani è saldamente ancorato al XXI secolo: la società possiede infatti due bracci di misura CAM2 Arm Fusion e una sonda di scansione laser CAM2 (laser line probe, LLP) che può essere collegata ai bracci di misura per fornire funzionalità di scansione laser. Con questi sistemi, l’azienda è perfettamente attrezzata per misurazioni di superfici a forma libera, ispezioni di pezziconfronti tra parti e CAD, prototipazione rapida e reverse engineering.

Horacio Pagani, lei ha iniziato più di 20 anni fa con uno studio di progettazione di arredamenti composto da un’unica persona. Quali elementi del suo approccio sono rimasti costanti?

Innanzitutto a 16 anni circa ho iniziato a studiare Leonardo e il Rinascimento. Sono rimasto affascinato dal modo in cui egli univa arte e scienza e ho voluto fare lo stesso: essere sia artista che ingegnere. Questo è stato il tema costante che ha attraversato tutta la mia vita professionale. Ho sempre poi ammirato le materie plastiche poiché permettono al designer di esprimersi. Negli anni 80 ho capito l’importanza dei materiali compositi e abbiamo investito in questa tecnologia sin da allora.

Ci può descrivere come si compone questa miscela di ispirazione e tecnologia sulla quale si basa il suo processo di progettazione?
Il corpo femminile è stato senza dubbio una fonte di ispirazione per le forme della Zonda. Nelle prime fasi lavoriamo manualmente con matite e modelli in resina. C’è un fascino che solo la mano può dare. Una volta perfezionato l’aspetto estetico, utilizziamo i sistemi di misura portatili 3D di CAM2 e trasferiamo il tutto in ambiente CAD per eseguire i calcoli strutturali e procedere verso il CAM.

Nelle vostre officine avete 3 dispositivi CAM2. Quali altri ruoli svolgono? 
Noi progettiamo e costruiamo le nostre automobili da zero e dobbiamo gestire circa 10.000 diversi componenti. Utilizziamo i bracci di misura CAM2 e la sonda di scansione per tutti i tipi di interventi – dal reverse engineering durante la progettazione, fino all’ispezione e all’allineamento durante la costruzione. Essi sono elementi integranti di qualsiasi cosa facciamo.Quali nuove ambizioni alimentano la sua visione oggi?
Io lavoro a molti progetti differenti che riguardano i settori automobilistico, aeronautico, militare, sportivo e del design industriale; la scoperta di nuovi materiali e tecnologie innovative continua ad affascinarmi.

Quattro buone ragioni
Horacio Pagani afferma: Gli strumenti CAM2 mi piacciono perché:

  • Ispirazione: i sistemi CAM2 supportano i nostri metodi di lavoro ispirati al Rinascimento poiché con essi riusciamo a combinare in modo semplice arte e scienza.
  • Integrazione: durante lo sviluppo gli elementi sono soggetti a continue modifiche manuali. Le nostre soluzioni CAM2 ci permettono di mantenere sempre aggiornati i file CAD e CAM con facilità.
  • Mobilità: possiamo facilmente spostare i bracci di misura e la sonda di scansione laser CAM2 in officina in base alle diverse necessità.
  • Semplicità d’utilizzo: i dispositivi CAM2 ci permettono di concentrare tutta la nostra attenzione sul progetto e sulle sfide dell’assemblaggio.

In Sintesi
Pagani Automobili progetta e costruisce alcune delle supercar più esclusive del mondo: i sistemi di misura CAM2 si integrano nello sviluppo creativo e tecnico e nel processo di assemblaggio.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here