e-F@ctory riceve il Technological Leadership Award per aver implementato l’Industrial Internet of Things nell’automazione industriale

0
117
Masayuki Yamamoto (a destra), Vicepresidente senior del gruppo Factory Automation Systems di Mitsubishi Electric, riceve il Best Practice Award 2015 da Ravi K (a sinistra), Vicepresidente di Frost & Sullivan.
Masayuki Yamamoto (a destra), Vicepresidente senior del gruppo Factory Automation Systems di Mitsubishi Electric, riceve il Best Practice Award 2015 da Ravi K (a sinistra), Vicepresidente di Frost & Sullivan.

Il progetto e-F@ctory di Mitsubishi Electric ha appena ottenuto il riconoscimento di Frost & Sullivan nell’ambito degli annuali Best Practice Awards. Il riconoscimento premia e-F@ctory di Mitsubishi Electric in quanto fornisce la tecnologia abilitante nel campo “Industrial Internet of Things  nell’automazione industriale” (IIoT).

In occasione della recente cerimonia di premiazione a Singapore, il progetto e-F@ctory di Mitsubishi Electric è stato insignito del premio “Frost & Sullivan Southeast Asia Enabling Technology Award” per il 2015. Il premio rientra nell’apprezzato programma Frost & Sullivan di riconoscimento delle buone pratiche in svariati contesti industriali e campi applicativi.

Il conferimento del premio si fonda su un’ampia ricerca primaria e secondaria lungo l’intera catena del valore, fornendo così una straordinaria visuale a 360 gradi su tecnologie e prodotti specifici. Secondo David Frigstad, Presidente di Frost & Sullivan, “La leadership nelle tecnologie abilitanti non è mai un’acquisizione facile, ma risulta ancora più difficile con l’attuale intensità della concorrenza, volatilità dei clienti e incertezza economica  – per non parlare della difficoltà di essere innovativi in un contesto di sfide sempre maggiori nei confronti della proprietà intellettuale.”

Sulla base di queste premesse, Frost & Sullivan ha scelto la piattaforma e-F@ctory di Mitsubishi Electric per la sua capacità di integrare perfettamente i componenti dell’automazione industriale utilizzando protocolli e reti comuni.

Si dice che negli ultimi anni la produzione manifatturiera si appresti a compiere la quarta rivoluzione industriale, coniugando i vantaggi di tecnologia IT, stampa 3D, simulazione e modelling con la sofisticata automazione dei processi all’interno della fabbrica. Ne è scaturito un intenso dibattito su IIoT e Industry 4.0, dando vita a concetti di leadership industriale a livello regionale come il “Made in China 2025”. Ma l’interrogativo resta quello di come raggiungere concretamente questi lodevoli obiettivi: ed è qui che entra in gioco la piattaforma e-F@ctory.

Il cuore della piattaforma è rappresentato dai componenti fondamentali dell’automazione industriale quali controllori a logica programmabile (PLC), interfacce uomo-macchina (HMI), robot, sistemi drive etc.. Questi vengono abbinati ai relativi componenti hardware per connettere gli stessi sistemi di comando ai sistemi IT: una soluzione ideale per i sistemi MES di gestione informatizzata della produzione e per le applicazioni di tipo Enterprise. “Mitsubishi Electric, famosa per la sua offerta rivolta al mondo dell’industria elettronica, si è ricavata una propria nicchia nell’area dell’automazione industriale, grazie alla portata globale e alla vasta esperienza di cui gode. Mentre l’Industrial Internet of Things (IIoT) richiama l’attenzione dei principali fornitori di sistemi di automazione, Mitsubishi Electric ha saputo riconoscere il potenziale che una simile tecnologia può offrire nel mondo dell’automazione industriale. L’azienda ha inoltre compreso come, con la crescente rilevanza dell’IIoT nella produzione manifatturiera, la trasparenza assuma un’importanza assoluta. La sua e-F@ctory può essere considerata la soluzione perfetta per attuare la visibilità a livello dell’intera azienda” osserva Krishnan Ramanathan, Analista ricercatore senior di Frost & Sullivan.

La piattaforma e-F@ctory si spinge ancora oltre per mettere in pratica tutto ciò nella realtà. Con un proprio ecosistema di oltre 3000 partner diretti e indiretti è in grado di agevolare il percorso verso l’integrazione di un intero panorama di sensori, macchine e tecnologia IT in un’unica entità industriale pulsante. Gli esempi non si limitano a un’industria o una regione specifica perché e-F@ctory, come sottolineano Frost & Sullivan, è una tecnologia abilitante modulare con un’ampia base applicativa. Sono già state realizzate numerose installazioni industriali modello e diverse centinaia di installazioni clienti: ad esempio, dalla collaborazione con Intel e con altri membri della e-F@ctory Alliance è nata un’applicazione pilota in Malesia. Il risultato è un risparmio di molti milioni di dollari grazie alla riduzione dei rifiuti e all’aumento dell’efficienza negli stabilimenti di produzione back-end di Intel.

LASCIA UN COMMENTO